Branca: “Sono stato vicino alla Roma, ma per fare le cose bisogna essere in due”

Branca: “Sono stato vicino alla Roma, ma per fare le cose bisogna essere in due”

L’ex responsabile dell’area tecnica dell’Inter ha parlato di un suo mancato approdo in giallorosso

di Redazione, @forzaroma

Marco Branca è stato per anni il responsabile dell’area tecnica dell’Inter, con cui ha vinto 15 tra coppe e campionati. Il dirigente è stato intervistato da “Libero”, ecco uno stralcio delle sue parole su un mancato passaggio alla Roma: “Oggi faccio l’osservatore, vivo in Svizzera, aspetto l’opportunità giusta. Un paio di volte sono stato vicino alla Roma ma per fare le cose bisogna essere in due”. 

Poi sul triplete con l’Inter: “Andate a farvi un’analisi tecnica e caratteriale di quelli che abbiamo preso e che ci hanno portato al Triplete. Milito e Thiago Motta, scartato da Atletico, Barca, Portsmouth, dovevano far vedere che erano da grande squadra e non solo da Genoa; Lucio era furibondo perché cacciato dal Bayern; Sneijder era stato scaricato dal Real. Eto’o era stato accantonato da Guardiola e poi è venuto da noi e ha fatto il secondo Triplete consecutivo. E Pandev? Già ci interessava portarlo a Milano il giugno successivo, ma poi a gennaio abbiamo colto l’occasione. È arrivato che era incaz… nero, alla Lazio era fuori rosa e non giocava da sette mesi: con noi è stato sempre in campo e decisivo”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy