Boniek: “Roma più forte di Lazio e Inter, deve fare la corsa su se stessa”

Parla l’ex calciatore giallorosso: “Persi troppi punti per strada, per l’ennesima volta si lotta per entrare in Champions”

di Redazione, @forzaroma

A poche ore dal match di campionato tra Roma e Benevento, Zibì Boniek, ex calciatore giallorosso e attuale presidente della Federcalcio polacca, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo per commentare il momento della squadra di Di Francesco. Ecco le sue dichiarazioni:

Che cosa ne pensa dell’incidente di Peres?
Senza entrare nel merito, un giocatore che va in giro alle 5:30 del mattino è poco professionale, ma non spetta a me cercare di capire come mai. Mi stupisce questo fatto, ma non aggiungo altro. Se gli tolgono la patente è uguale, tanto sulla fascia può correre comunque.

Si sarebbe aspettato un distacco così grande tra la Roma e le prime due?
Se andiamo ad analizzare i punti persi con le piccole, si vede la differenza. La Roma ha lasciato troppi punti per strada, per l’ennesima volta si lotta per entrare in Champions League, è questo che ti fa crescere a livello di società e di importanza in Europa. Bisogna sfruttare lo stop di Inter e Lazio per recuperare i punti persi.

Chi vincerà lo scudetto?
L’unico campionato dove l’esito è incerto è in Italia.

La prossima Champions League sarà la più difficile di tutti i tempi?
Per vincere la Champions devi vedere anche il sorteggio. Statisticamente, più ci sono squadre forti più è difficile. Portogallo e Grecia hanno vinto l’Europeo, perché la Roma non può arrivare in fondo alla Champions?

Cosa la rende pessimista e ottimista del momento della Roma?
Ottimista nel fatto che abbiamo già superato il momento critico, Bruno Peres poi giocherà di meno adesso. Non vedo lati pessimistici.

La Roma deve temere più l’Inter o la Lazio per un posto in Champions?
Non credo si debba pensare su chi fare la corsa. Qualche giornata fa si diceva che l’Inter lottava per lo scudetto. La Roma deve fare i punti con le piccole, senza deconcentrarsi. L’organico c’è, la società è solida e i tifosi sono fantastici. Si deve pensare a giocare, la Roma ha materiale più forte di Inter e Lazio, deve fare la corsa su se stessa. Questo è un mestiere fantastico, ma ci deve essere anche del sacrificio.

Il 4-2-3-1 è il modulo giusto?
L’ordine in campo è importante, però non si vince con il modulo, ma con i giocatori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy