Boniek: “La Sud non può essere divisa. Assurdo che la Roma non abbia un suo stadio”

L’ex calciatore giallorosso ha parlato delle condizioni dello stadio Olimpico

di Redazione, @forzaroma

Zbignew Boniek, presidente della federazione polacca ed ex centrocampista della Roma, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo per parlare della squadra giallorossa e delle condizioni dello stadio Olimpico: “Le barriere vanno eliminate, la Sud non può essere divisa”, questo il suo pensiero. Ecco l’intervento:

“Ieri ero all’Olimpico e non nascondo di aver cantato l’inno giallorosso, perché sono rimasto legato alla Roma. Dzeko? Lui è un grandissimo centravanti, è pericolosissimo in area, ha una tecnica importante. Gode certamente del lavoro fatto dalla squadra per lui, ma mi sembra totalmente diverso dall’anno scorso, è più agile, più inserito nella squadra. Dispiace per i punti persi a Genova, perché la Roma e il Napoli perdono partite, che la Juventus non perde mai, ma hanno un gioco complessivo superiore ai bianconeri. Ho guardato la Sud anche ieri sera ed è triste vederla tagliata a metà, con tanti steward, con delle barriere, quando invece la ricordo unita e compatta a cantare per la squadra. Spero che si possano rimuovere subito le barriere, perché il calcio è per i tifosi”.

Infine, Boniek parla pure della questione relativa al nuovo stadio della Roma: “Sono anni che si parla di stadi in Italia, spero che l’impianto della Roma si faccia il prima possibile, perché non può averlo solo la Juve. In Europa la maggior parte dei paesi sono avanti anni luce rispetto all’Italia su questo aspetto. Non è possibile che a Roma i due club non abbiano stadi di proprietà, lo stadio è un asset fondamentale a livello finanziario e sportivo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy