Bologna, Di Vaio: “Bella reazione dei ragazzi dopo il 2-1. Abbiamo meritato il risultato”

Il club manager del club rossoblù parla poi della corsa scudetto della Roma: “Anche nella situazione si sono ribaltati le maniche, non hanno cercato alibi. È una seria candidata al titolo, dipenderà da loro”

di Redazione, @forzaroma

A poche ore dal pareggio del Dall’Ara tra Roma e Bologna, il club manager del club rossoblù, Marco Di Vaio, è intervenuto ai microfoni di Rete Sport per analizzare e commentare il match di ieri.

Queste le sue dichiarazioni:

Cosa è successo dopo il 2-1?
Siamo stati bravi nella reazione, ci siamo rimessi lì, abbiamo tirato fuori un paio di azioni importanti, la squadra è stata sempre viva, anche quando la Roma ci ha messo in difficoltà con le palle lunghe. Non abbiamo permesso alla Roma di prendere il sopravvento, la squadra ha meritato il risultato“.

Destro?
Penso che sia il simbolo di quello che è successo con il cambio di allenatore, ha cambiato atteggiamento, si è responsabilizzato molto. Penso che abbia fatto alla grande le ultime tre partite, a prescindere dai gol, che non è un caso che siano arrivati. Sta facendo quello che ci aspettavamo, è giovane ma ha già fatto cose importanti in Serie A. Se continua così può tornare in nazionale“.

Totti?
Finché ne avrà voglia, potrà continuare. Ha la possibilità di giocare a calcio da una vita e ha le qualità per continuare finché vorrà. Dovrà rimettersi in discussione, non può giocare con continuità, dovrà scegliersi le partite, ma anche entrando negli ultimi minuti può fare la differenza“.

Come hai visto la Roma in generale?
Per quanto riguarda la Roma, a prescindere dalla partita di ieri, anche in quella situazione si sono ribaltati le maniche, non hanno cercato alibi. È una seria candidata al titolo, dipenderà da loro, potrà andare avanti in Champions League. In Champions è stata buttata una partita incredibile, ma la squadra ha qualità, ha grandi campioni che possono fare la differenza”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy