Bastos: “Perché no lo scudetto? La Roma è il sogno di qualsiasi giocatore”

Bastos: “Perché no lo scudetto? La Roma è il sogno di qualsiasi giocatore”

di finconsadmin

Queste le parole di Michel Bastos rilasciate in un’intervista a Roma Channel

 

Dopo un mese a Roma come stai?
Tutto bene, perfetto. Sono in una grande squadra con dei grandi calciatori, purtoppo sono arrivato con un problema fisico e ho dovuto recuperare, ma ora sto bene.

 

Perchè hai scelto la Roma?
Perchè è una grande squadra è il sogno di qualsiasi giocatore giocare in un grande campionato. Quando giocavo in Francia guardavo sempre il campionato italiano ed è un’occasione che non bisogna farsi sfuggire

Pensavi di tornare in un campionato italiano di grande tradizione?
Quando si sceglie di andare a giocare in un campionato arabo a spingerti sono le motivazioni di natura econimica. Io ho 30 anni e mi sono reso conto di poter dare tanto ed è per questo che ho resistito per soli quattro mesi e poi sono tornato.

Sei quasi riuscito a fare gol nel derby
I derby sono i ‘leit motiv’ della mia carriera, il primo gol al Lille contro il Lens, stessa cosa con il Lione; rendo sempre al meglio in queste partite sentite dai tifosi. Sono contento di aver esordito con la Roma in una partita così speciale, anche se ho giocato poco tempo in quel match.

Terzino:è il tuo ruolo?
Sono arrivato qui per aiutare la squadra, con il Lione e lo Shalke04 giocavo a destra. Ognuno ha le proprie preferenze, nel Brasile ci sono Marcelo e Dani Alves che sono offensivi e di spinta. Anche io ho la mia preferenza ma la tengo per me.

Come stai fisicamente?
Mi sento al 100%. Mi manca il ritmo partita, perché erano due mesi che non giocavo, anche per colpa del braccio rotto. Ora ho recuperato da quel problema. Solo con il Napoli ho giocato tutta la partita, ma è una gara da dimenticare…Ora bisogna solo lavorare.

Pjanic?
Con Miralem a Lione eravamo molto amici, c’eravamo persi di vista ma ora siamo di nuovo in contatto. Aver trovato qui un giocatore così esperto è una soddisfazione. E’ stato bello trovarlo in queste condizioni , ho sempre saputo che potesse diventare un giocatore importante, ora è imprescindibile per la nostra squadra!

Qual è l’obiettivo?
Il nostro obiettivo è indubbiamente quello di finire al meglio la stagione. La qualificazione per la Champion è quello primario, ma tutte le strade sono aperte quindi non si può mai dire nulla. Abbiamo le qualità per battere qualsiasi avversario. Come calciatore e come professionista punto sempre il più in alto possibile, quindi perché no lo Scudetto?

Juve, differenza giusta in classifica?
Da calciatore preferirei che le posizioni fossero capovolte, ma anche loro stanno facendo grandi cose. Puo succedere di tutto, è per quello che dico sempre che dobbiamo pensare solo a noi stessi. Speriamo che loro perdano qualcosa per strada..

Obiettivo personale?
Arrivo da un campionato non paragonabile con quello italiano, con il mio aiuto cerco di contribuire a fare in modo che la Roma vinca qualcosa.

Che gruppo è questo?

Buon gruppo, buonissimo direi. Da tanto tempo non vedevo uno spogliatoio così compatto e così unito. Anche i risultati aiutano a compattare, l’importante nel calcio è essere sempre uniti, poi può capitare che in una squadra qualcuno non vada d’accordo, ma non è il caso della Roma. Merito di tutti, dai giocatori allo staff.

 

Champions, le italiane non sono più forti come un tempo?

 

L’Inter pochi anni fa ha vinto la Champions League, magari da qualche anno le italiane fanno più fatica. A partire dal prossimo anno con la Roma in Champions League speriamo che le cose possano andare meglio. Tutti i giocatori sognano di giocare in questa competizione. So che non è mai facile giocare contro le italiane, lo sapevo quando giocavo in Francia o in Germania, è strano che abbiano perso un po’ di forza negli ultimi anni, ma è solo un problema momentaneo sicuramente.

 

Senza curve, senza tifosi: Inter. Che partita sarà?

 

E’ una squadra che ha attraversato qualche difficoltà, ma ora sono arrivati nuovi giocatori che hanno elevato il livello dei nerazzurri. Non è mai facile giocare contro squadre di questo calibro. Non è facile giocare in uno stadio senza curve e senza tifosi. La nostra qualità è il gruppo, non sarà facile..ma se giocheremo bene, come facciamo da inizio stagione, sono certo che riusciremo ad arrivare alla vittoria

 

Fuori dal campo, che tipo sei?

Mi piace stare in famiglia, sono un tipo casalingo. Amo stare in casa con mia moglie e i mie figli. Poi mi piace molto la musica, mi piace fare il dj!

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy