Barbaro (Pd): “Legge o non Legge, Roma e Lazio presentino i progetti e il Comune si prendesse le proprie responsabilità”

di Redazione, @forzaroma

L’On. Claudio Barbaro è intervenuto ai microfoni di Radio Manà Manà Sport durante la trasmissione “Tribuna Stampa” commentando il rallentamento dell’approvazione della Legge sugli stadi in Senato. Infatti mentre la Commissione territorio e ambiente del PD ha espresso un parere favorevole con osservazioni, la Commissione lavori pubblici e comunicazioni dello stesso partito ha bocciato il parere favorevole. “La legge sugli stadi si è arenata per divisioni interne al Partito Democratico. Nella discussione generale non si può non tenere conto che una delle due commissioni abbia dato parere negativo. La legge sugli stadi rischia di essere affossata, per il momento non vedo una via d’uscita”. Sulla situazione delle squadre romane ha commentato: “Lotito, se vuole fare lo stadio lo può fare anche senza la legge. Lo stesso dicasi per la Roma, che deve “scegliere” l’area e il costruttore di appartenenza. Questa legge accorcia i tempi burocratici ma se c’è la volontà seria delle società gli stadi si potrebbero già fare. Quando le società presenteranno i loro progetti toccherà all’Amministrazione Comunale prendersi le proprie responsabilità”. Su una possibile strategia del PD, l’Onorevole ha detto: “Aldilà delle divergenze politiche, ho sempre riconosciuto nel PD uniformità di pensiero. Mi lascia perplesso che ora quell’uniformità è venuta meno a proposito di questo argomento. Se il partito vuole assumere una posizione importante a livello europeo deve essere capace a sciogliere anche questi nodi. Come ho già detto in precedenza, questa Legge serve soltanto per accorciare i tempi della burocrazia. Mi auguro che il PD recuperi e ritorni sui suoi passi ma sono scettico”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy