Baggio e Totti, un caffé tra campioni. Osvaldo si ferma in allenamento

di Redazione, @forzaroma

(di Alessio Nardo) Nove gare al termine del campionato, sette punti di ritardo dal terzo posto, l’obbligo di difendere con gli artigli almeno il piazzamento valido per la qualificazione in Europa League.

Il quadro generale in casa Roma è presto fatto. Una fase di “stallo” che inevitabilmente lascia spazio a discorsi alternativi, di prospettiva. Oggi, tuttavia, 28 marzo 2012, è un giorno importante. Diciannove anni fa, Francesco Totti esordiva ufficialmente in Serie A, a Brescia. E’ trascorsa una vita, e il Capitano è ancora lì a Trigoria a sudare. Ed oggi ha ricevuto un’importante visita, quella di Roberto Baggio, al secondo giorno di “studio” a Trigoria. Caffé di rito, una chiacchierata ed un cordiale abbraccio per i fotografi. Due grandi fuoriclasse, icone assolute del calcio italiano. Il vero rimpianto? Non averli mai visti giocare insieme.

C’E’ IL NOVARA – Nel frattempo, Luis Enrique prepara la sfida di domenica (ore 12.30) all’Olimpico col Novara, penultimo in classifica. Durante l’odierna seduta d’allenamento, Pablo Daniel Osvaldo si è fermato anzitempo a causa di un lieve trauma distorsivo alla caviglia destra. Totti ha proseguito il lavoro di palestra e fisioterapia. Nel caso in cui entrambi non fossero disponibili, potremmo vedere Bojan e Lamela di punta, Pjanic trequartista. Con De Rossi arretrato in difesa (al posto dello squalificato Heinze), Gago è l’unico certo del posto in mezzo al campo. Per le restanti due maglie, ballottaggio a tre fra Simplicio, Marquinho e la possibile sorpresa Viviani. Nessun allarme per il neoventitreenne Simon Kjaer, che attraverso Twitter ha rassicurato tutti: “Col Novara ci sarò”.

Il ds dei piemontesi, Cristiano Giaretta, ha parlato della sfida di domenica ai microfoni di Radio Yes “Domenica abbiamo una partita proibitiva, ma ce la giocheremo perchè stiamo bene soprattutto di morale. Contro la Roma gli stimoli vengono da soli. Chi non vorrebbe giocare e vincere all’Olimpico? Sarà per noi una grande motivazione”. I giallorossi ritroveranno un loro vecchio incubo, Takayuki Morimoto, protagonista quest’oggi in conferenza stampa: “Quando ero a Catania, segnavo sempre contro la Roma – ha detto – e non nascondo che per me è una partita importante, anche se non so ancora quanto spazio riuscirò a ritagliarmi. Ovviamente la mia speranza è quella di giocare e di offrire un contributo alla causa”. Il centrocampista Andrea Mazzarani, romanista di provata fede, sogna la maglia giallorossa: “Con Luis Enrique poi – ha detto a Radio Ies – soprattutto perché fa giocare bene la squadra palla a terra e due tocchi. E’ ideale per il mio gioco. In 13-14 anni che tifo Roma, Totti per me è sempre stato un idolo, uno che ha dato più di tutti alla Roma”. Il tecnico Attilio Tesser non avrà a disposizione il suo miglior uomo, Marco Rigoni, squalificato. Dovrebbe sostituirlo Simone Pesce.

VERSO L’ESTATE – E’ di oggi un’importante novità. Il prossimo 25 luglio, in piena tournée americana, la Roma affronterà in amichevole il Liverpool al Fenway Park di Boston, stadio dei Red Sox. Queste le parole del socio forte del consorzio statunitense, James Pallotta, riportate da Adnkronos: «Uno dei nostri obiettivi prioritari è far crescere il marchio Roma negli Stati Uniti e questo ciclo di amichevoli sarà un grande passo in questa direzione. Non riesco a pensare ad un palcoscenico migliore che veder giocare la Roma all’interno di Fenway Park, nella mia città natale, in quello che sperò sarà solo uno dei tanti derby tra questi due grandissimi club». Soddisfatto anche Kenny Dalglish, coach dei reds: “Abbiamo giocato alcuni match divertenti contro la Roma nel passato, in particolare nel 1984, anno della finale di Coppa Campioni. Perciò sarà fantastico“.

E il mercato? Circolano nomi in continuazione, e siamo solo a marzo! I quotidiani indagano sul “Mister X” annunciato da Walter Sabatini due giorni fa. Si va dai nomi più frequenti e “realistici” (Isla, Paulinho, Sissoko, Palacio, Abel Hernandez) ad autentici sogni (Higuain del Real Madrid e Luis Suarez del Liverpool). Secondo Tuttomercatoweb, il Paris Saint Germain di Leonardo starebbe provando a soffiare a Sabatini il terzino brasiliano Dodò, classe 1992, in scadenza di contratto col Corinthians e di fatto già “bloccato” dalla Roma.

RISPUNTA “AL CAFONE” – Secondo l’edizione odierna de Il Sole 24 Ore, l’imprenditore marchigiano Edoardo Longarini, 80 anni, sarebbe in trattativa con Unicredit per partecipare all’imminente ricapitalizzazione programmata dal consorzio americano. Il giornalista Alessandro Plateroti è intervenuto in mattinata ai microfoni di “Te la do io Tokyo”, in onda su Centro Suono Sport: “Ci sono stati una serie di incontri concreti tra Longarini e i vertici Unicredit. Si tratta di due segnali, confermare la volontà di Unicredit di uscire dalla Roma, post aumento di capitale, e secondo motivo cosa significa e cosa ruota intorno al centro sportivo della Borghesiana, considerata un’ accademia del calcio tra le più importanti, con 1800 allievi iscritti, è probabile che la Roma abbia bisogno di un nuovo vivaio, avere un centro alternativo a Trigoria e di avere 1800 giovani in più per la squadra Credo che ci sia una forte volontà di chiudere l’operazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy