Atalanta-Roma, il web nerazzurro: “Giallorossi liberi a Bergamo? È una trappola…”

Una domenica delicata, in campo come in città: “La Prefettura vuole rovinarci questo momento stupendo”. E su Gomez uomo mercato: “Papu è il passato, costruiamo il futuro con Iturbe”

di Mirko Porcari, @MirkoPorcari

“Si può fare”. È in silenzio che si costruiscono le cose migliori, evitando i riflettori e la pubblicità per non rovinare un periodo che sembra magico: riecco il campionato, con lui riprende una corsa che lancia il cuore oltre l’ostacolo in una stagione che chiama nuovi protagonisti. “Noi, l’ammazzagrandi”, il web bergamasco accarezza con cura gli incroci del destino, tra le mura amiche è tempo di lasciare indietro il timore reverenziale per plasmare una sensazione in punti pesanti: “A me la Roma non fa paura”, classifica e numeri importanti cementano la voglia di prendersi uno spazio di rilievo tra le big, per i ragazzi di Spalletti si prospetta una domenica pomeriggio di passione e sudore. La dimostrazione è tutta in un’idea che piace tanto nei forum della Dea: “Contro di loro sarà la partita della vita. Già mi immagino di rimandarli a casa con le lacrime agli occhi”.

Orgoglio a parte, andando a sbirciare nella rosa degli avversari non si impiega troppo a trovare punti di riferimento per la paura: “Dzeko è davvero forte, un calciatore che mi è sempre piaciuto. Classica corporatura da numero nove di razza e ottimo colpo di testa”, lo stato di grazia del bosniaco è l’arma in più di Spalletti dalla quale i tifosi nerazzurri devono guardarsi con attenzione. La soluzione, se possibile, è tutta fatta in casa: “Caldara non lo farà muovere”. La meglio gioventù che avanza, conquistando maglia e favori senza un briciolo di timore: “Ha già marcato Icardi, Milik e Kalinic, questa per lui sarà la prova decisiva”.

In città si rivedranno anche i tifosi giallorossi: “Non mi mancavano per niente. Sono davvero gli ultimi che avrei voluto da queste parti”. La decisione di Prefettura e Osservatorio non convince, all’ Atleti Azzurri si aprono letture che svelano trame nascoste: “Hanno buttato l’amo e speriamo che nessuno abbocchi. È una trappola che rischia di incasinare il momento fantastico che stiamo vivendo”, ambiente caldo e rapporti difficili (“A loro cosa importa se succede qualcosa? Tanto in curva non ci vanno più a prescindere”), la saggezza che viaggia nel web cerca di trasformare l’istinto in razionalità. “Non facciamoci fregare, noi i disordini li paghiamo a caro prezzo. L’unica cosa giusta da fare è prenderli a pallonate in campo e festeggiare tutti insieme”.

All’ordine del giorno c’è il mercato, gennaio è vicino e tra Bergamo e Roma non mancano le voci di possibili scambi: “Gomez lo terrei, serve il salto di qualità e lui è fondamentale”, la voce del popolo si divide tra chi vuole tutto subito e chi prova a guardare anche al futuro. “Se venisse Iturbe sarei contento”, da oggetto misterioso in giallorosso a sorpresa tra le braccia di Gasperini, il rilancio in nerazzurro è qualcosa su cui ragionare: “Lui è giovane e qui potrebbe mettere il turbo. Se per investire sul futuro si deve cedere qualche pezzo da novanta, salutiamo il Papu”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy