Aquilani: “La situazione non è tragica, Di Francesco è l’allenatore giusto. Zaniolo un predestinato”

Aquilani: “La situazione non è tragica, Di Francesco è l’allenatore giusto. Zaniolo un predestinato”

L’ex giallorosso: “La squadra è forte e completa, ci vuole pazienza. Cristante ha bisogno di sbloccarsi”

di Redazione, @forzaroma

Momento difficile per la Roma, che non può più sbagliare per non perdere ulteriore contatto con il treno Champions. A pochi minuti dalla sfida contro l’Inter, Alberto Aquilani ha parlato della sfida e della situazione dei giallorossi ai microfoni di Roma Tv: La squadra è forte, è completa. C’è tempo, ci sono i giocatori e c’è un allenatore che sa quello che vuole. Bisogna essere pazienti e sperare che arrivi qualche risultato positivo, perché poi le cose vengono tutte da sé. L’Inter è forte, ma se vinci la condizione psicologica aumenta di molto. Non la vedo così tragica la situazione, la Roma ha passato il girone di Champions e l’obiettivo è stato raggiunto”.

L’ex centrocampista della Roma passa poi a parlare di singoli: Di Francesco è uno dei più bravi in circolazione, l’ho avuto 6 mesi a Sassuolo. E’ una persona seria e competente da cui si può imparare tanto. La Roma non è il Sassuolo, ci sono altre dinamiche e altre pressioni. E’ stato intelligente nel modificare il suo modo di essere, è sempre stato schematico con stesso modulo e stesse giocate, invece qui si è adattato anche ai giocatori. Ora i risultati non lo stanno premiando ma è l’allenatore giusto per questa squadra. Pellegrini non mi ha stupito, è forte e aveva bisogno di sbloccarsi. Anche Cristante ha bisogno di quello sblocco che può nascere da un gol o un episodio favorevole. Sta crescendo, ha fatto poche partite di questo genere e quindi può solo crescere. Zaniolo è quello che mi ha impressionato di più. E’ un predestinato anche se giovane”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy