Ambrosini: “Roma squadra inespressa, Alisson il migliore del mondo”

L’ex giocatore del Milan: “I giallorossi hanno ancora problemi di gestione e personalità. Under non va caricato troppo”

di Redazione, @forzaroma

Dopo i rispettivi impegni europei, Roma e Milan si ritrovano l’una di fronte all’altra in uno scontro interessante in chiave Champions. I rossoneri infatti potrebbero clamorosamente rientrare nella lotta al quarto posto, mentre i giallorossi devono mantenere la terza posizione. Per parlare del match dell’Olimpico in programma domenica sera è intervenuto Massimo Ambrosini, intervistato da Teleradiostereo.

Che idea si ha della Roma a Milano?
La Roma quest’anno non può competere per i vertici della classifica, non perché sia una squadra costruita male ma perché Juventus e Napoli sono più forti. Certo è che può ancora crescere e lo ha dimostrato con il primo tempo della partita contro lo Shakhtar. Ci sono ancora problemi di gestione e personalità, non è una squadra completamente espressa. Bisogna essere consapevoli del percorso della Roma in questi anni che non è stato assolutamente da buttare, è l’unica squadra che è riuscita a stare dietro alla Juventus. Ci sono grandi giocatori ma bisogna farsi una ragione del fatto che la Juventus e il Napoli sono più forti oggi. Quello che ha fatto Sarri con i suoi giocatori è assolutamente da ammirare, bisogna avere la fortuna di trovare allenatori in grado di valorizzare i giocatori che si hanno.

Sei cresciuto nel Milan, quanto è difficile per un giovane inserirsi in un centrocampo importante come quello in cui sei cresciuto tu? Ad esempio per Pellegrini.
Pellegrini è forte, è un ragazzo duttile e può fare diversi ruoli in quella parte del campo. Pellegrini il suo spazio se lo sta ritagliando, non butterei assolutamente quello che ha fatto in questa stagione.

Quanto influisce un allenatore, in questo caso Gattuso, su una squadra?
Più del 50% direi. Gli allenatori contano perché devono far fruttare quello che ha tra le mani. Rino si sta dimostrando un allenatore capace e sta valorizzando quello che ha. Il Milan indubbiamente sta esprimendo un gioco migliore. Io personalmente non pensavo che in così poco tempo riuscisse a cambiare volto a questa squadra anche dal punto di vista del gioco dopo quello dell’autostima e della grinta. Sta facendo vedere cose interessanti.

Che Roma-Milan sarà?
Cominciano i 10 giorni più importanti della stagione per entrambe le squadre. Arrivano partite delicate che hanno bisogno di un livello di attenzione molto alta. Per quanto riguarda la Roma non butterei via quello che è accaduto a Karkhiv, bisogna mostrare alla squadra quello che si è fatto bene per trovare l’autostima per affrontare il Milan. Mi aspetto una partita molto aperta perché le squadre arrivano da momenti psicologici diversi ma devono pensare a giocare a calcio.

Quanto è traumatico l’addio al campo?
Ogni calciatore ha la propria psicologia e ogni ritiro è diverso. Ho conosciuto ragazzi che dall’oggi al domani hanno deciso di smettere e lo hanno fatto razionalmente. È comunque un cambiamento abissale, per 20 anni hai uno stile di vita con orari precisi e sai sempre cosa devi fare durante la giornata. Di punto in bianco ti ritrovi senza più niente se non te lo sei organizzato prima. La cosa difficile è che ognuno di noi ha un livello di competizione che lo ha portato a vivere la propria carriera per 20 anni e bisogna sfogarla in altro modo. Quello che ti manca di più è la continuità del campo.

Un’opinione su Alisson e Ünder?
Alisson è sinceramente una sorpresa perché non lo conoscevo molto bene. Stupisce la sua freddezza, stento a pensare che ci siano al mondo portieri migliori di lui. Riesce sempre a capire cosa fare in campo e da libero riesce ad anticipare le mosse della squadra avversaria. Under è un bel giocatore ma non va caricato troppo. Non può portare sulle spalle tutta la Roma da solo.

La prestazione dell’Atalanta di ieri può fungere da speranza per l’Italia in Europa?
Dispiace aver visto l’Atalanta uscire così. Bisognerebbe prendere da esempio la società che ha ambizioni serie come Udinese e Cagliari. Si deve ripartire da qui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy