Alisson, numeri top in Europa. Zoff lo ‘blinda’: “Roma, non venderlo”. Primavera nel segno di Keba-gol

Il brasiliano para meno solo di Oblak e di ter Stegen. L’ex ct dell’Italia sicuro: “E’ il migliore della serie A”. Pallotta sorride con il mercato (+52 tra acquisti e cessioni), ma con l’Uefa non basterà

di Luca Benincasa Stagni, @lucabeninstagni

Parate, lanci da trequartista e mate. Alisson Becker in poco di più di mezza stagione non solo ha fatto dimenticare a tutti i romanisti Szczesny, ma adesso i suoi numeri sono da top portiere d’Europa e del mondo. Il brasiliano para più di mostri sacri come De Gea e Buffon e nei 5 maggiori campionati del continente è dietro solo a Oblak e ter Stegen. Un rendimento che ha attirato le attenzioni di club come il Real Madrid e il Psg, pronti a sfidarsi a suon di milioni per lui. Uno scenario che i tifosi temono, sicuri del fatto che un big verrà ceduto a giugno. In loro soccorso è venuta un’icona della storia del calcio, Dino Zoff. Per il campione del mondo ed ex ct italiano non ci sono dubbi: Alisson è il miglior portiere della serie A. La Roma non deve venderlo, perché le case si costruiscono dalle fondamenta ed i giallorossi devono partire da lui“. Vedremo se James Pallotta seguirà il consiglio di Zoff. Intanto, il patron americano può essere soddisfatto del risultato ottenuto sulla differenza tra spese e entrate nelle ultime due sessioni di mercato, che secondo il Cies è pari ad un attivo di 52 milioni. Tuttavia, non basterà per convincere l’Uefa, che dovrebbe sanzionare la Roma per essere uscita dai paletti del FairPlay finanziario.

VERSO IL BENEVENTO – Il test più importante, però, è sempre quello del campo. Domenica all’Olimpico arriva il Benevento. La vittoria contro i campani potrebbe rappresentare uno snodo fondamentale della stagione romanista. Con la Lazio chiamata al difficile compito di non perdere a Napoli, i giallorossi hanno l’opportunità di proiettarsi al terzo posto in classifica, Inter permettendo. Di Francesco spera di poter recuperare almeno De Rossi, che oggi ha proseguito nel suo lavoro individuale insieme con Schick, Gonalons e Silva. Per quanto riguarda gli avversari, se De Zerbi parlerà sabato, lo stesso non può dirsi del presidente Vigorito. Il numero uno del Benevento ha voluto difendere Totti dopo le parole di Spalletti (che lo aveva definito ‘deprimente per i compagni‘): “Un calciatore come lui lo terrei in campo anche se cammina. Certe volte si dovrebbe provare a parlare di meno“.

PRIMAVERA E ALTRE NEWS– Continua il momento felice dei ragazzi di Alberto De Rossi. Dopo la vittoria con la Juventus, i giallorossi hanno fatto il bis con il Torino grazie al gol di Keba all’84’. Protagonista anche il portiere Greco, con una parata decisiva all’ultimo secondo. E proprio l’estremo difensore ha gettato la maschera: “Adesso siamo a -3 dell’Atalanta e ce la giocheremo fino alla fine“. Soddisfatto anche il tecnico: “Sono stati straordinari, è una vittoria della squadra. Adesso la classifica è quella che i ragazzi si meritano, non vedevo una tale crescita da tanti anni“. A queste voci si unisce anche quella di Capradossi, che ha completato la rosa di Di Francesco dopo l’addio di Moreno:Sono contentissimo per questa grande opportunità“. Capitolo Champions, lo Shakhtar Donetsk ha vinto in amichevole con l’Aik Solna. Gli uomini di Fonseca si sono imposti 2-0 ed hanno concluso il ritiro invernale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy