Ag.Maicon: “Qui è felice. Dodò? Resterà alla Roma”

di finconsadmin

Roberto Calenda, il procuratore di Maicon e Dodò, ha parlato del momento dei due brasiliani. Queste le sue parole a vocegiallorossa.it:

Contro la Fiorentina Maicon ha trovato il suo primo gol con la maglia della Roma. Ci teneva molto il giocatore?
“Ci tiene in maniera particolare a far bene, affinché la Roma faccia bene. Esulta nella stessa maniera quando segnano i compagni o quando è lui stesso ad andare in gol, è molto felice e contento. Si diverte, gioca il calcio che sa giocare in una squadra dove tutti parlano la stessa lingua. È contento dei risultati che sta ottenendo qui a Roma”.

Racconti come e quando è nata l’idea di portarlo a Roma. Sabatini inizialmente aveva pensato a Wallace…
“Dopo la Coppa Italia, Sabatini ha cambiato opinione su come strutturare la squadra e parlando con lui è nata questa mia idea e lui l’ha colta al volo perché aveva bisogno di un giocatore di carisma e di qualità”.

Maicon fu accolto con scetticismo quando arrivò nella Capitale. Cosa le diede maggiormente fastidio?
“Lui è un ragazzo particolare, un giocatore di esperienza, una persona abituata alle pressioni e a vincere. L’anno scorso ha avuto per la prima volta un periodo sfortunato, pieno di infortuni, dal tallone al piccolo intervento al menisco. Soltanto che noi non siamo persone che divulgano tutto ai quattro venti. Molti non sapevano come fosse la situazione e e parlavano di un Maicon finito ma lui sta dimostrando che quando sta bene è il più forte in assoluto. Dispiace non si dia la giusta informazione. Capita un anno di subire parecchi infortuni dopo tante stagioni giocate ad alto livello. Se qualcuno pensava che fosse una scommessa non è ben addentro al mondo del calcio”.

Come sta vivendo Maicon quest’esperienza?
“Quello che esterna fuori è quello che ha dentro: lo vediamo tutti in campo: cosa fa, come partecipa alla partita, alle situazioni di gioco, come incita il gruppo. Quello è lo stato d’animo attuale. È molto contento della scelta che gli ho proposto. È felice, è una persona vera, diretta e manifesta chiaramente i suoi sentimenti, così come quando incita i tifosi allo stadio, durante la partita”.

Dodò l’anno scorso non riusciva mai ad allenarsi con continuità, a differenza di quest’anno. Merito anche del cambio di preparazione?
“Era normale dover sostenere un periodo di riabilitazione dopo quel gravissimo infortunio e la Roma è stata brava a seguirlo, ad avere pazienza e a stare vicino al giocatore. Con l’allenatore attuale poi si trova bene ma anche quanto fatto l’anno scorso è servito a rimetterlo a posto”.

Le sue prestazioni vengono ovviamente passate sotto la lente di ingrandimento: come vive la situazione il ragazzo?
“Mi piace la sua attitudine al lavoro, glielo dico sempre. Mi piace la sua continuità e il non curarsi delle critiche, il non curarsi di nulla, andando avanti per la sua strada. E questo gli sta facendo fare il salto di qualità. Dedizione al lavoro: pensa solo ad allenarsi e questo sta pagando”.

Rispetto allo scorso anno, è evidente il miglioramento in fase difensiva ma dovrebbe essere un po’ meno timido in avanti…
“Sta facendo quello che il calcio europeo e italiano chiedono e lo sta facendo bene. Dà molta attenzione alla parte difensiva, obbligatoria giocando in Italia, senza tralasciare le sue qualità. I cross che ha prodotto nelle ultime gare sono di ottima fattura e chi ha il palato fine se ne accorge. Maicon gli dà consigli continuamente e ricordiamoci che proviene da un campionato, quello brasiliano, tatticamente molto diverso dal nostro. Inoltre alla sua età non è facile giocare in una squadra tra le migliori della serie A”.

Mercato: in queste settimane si è parlato dell’ipotesi prestito per Dodò, con Torino, Sampdoria e Tottenham che si sarebbero interessate al giocatore…
“No, no, non si sono fatte avanti perché la Roma non pensa di cederlo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy