Roma, Mertens più che un’idea: è lui la prima scelta nell’affare Manolas

Roma, Mertens più che un’idea: è lui la prima scelta nell’affare Manolas

I giallorossi, rassegnati a perdere il greco, hanno aperto alle contropartite. Diawara è più giovane, ma il belga piace da tempo e può essere l’uomo giusto da regalare a Fonseca

di Valerio Salviani, @vale_salviani

La strada è tracciata da tempo. La clausola da 36 milioni, mai ritrattata, sarà il suo pass d’uscita. Kostas Manolas ha giocato contro il Parma (partita d’addio di Daniele De Rossi lo scorso 26 maggio) il suo ultimo match con la Roma. Ma il futuro del greco sembra non essere troppo distante dalla capitale. L’opzione Napoli è concreta: l’accordo tra partenopei e giocatore c’è, ma manca il via libera della Roma. I giallorossi pretendevano inizialmente il pagamento di tutti i 36 milioni della clausola, ma nelle ultime ore a Trigoria hanno aperto alla possibilità dell’inserimento di una contropartita. Uno su tutti, Dries Mertens.

PASSIONE GIALLO-ROUGE – Il belga alla Roma piace da tempo. Già nella scorsa estate Monchi aveva provato a strapparlo al Napoli, ma De Laurentiis aveva sparato altissimo (35 milioni). Adesso la situazione è cambiata. Ciro (come lo chiamano i tifosi azzurri) non è più un intoccabile nell’attacco di Ancelotti, nonostante i 19 gol segnati anche nella scorsa stagione. E al belga, dopo 6 anni a Napoli, non dispiacerebbe una nuova esperienza. La capitale è una meta gradita, sponsorizzata dall’amico Nainggolan e dalla signora Mertens, che per Dries ha sempre molto peso nelle decisioni.

UOMO CHIAVE – Con Dzeko in partenza, Mertens potrebbe diventare il nuovo leader del reparto avanzato. Con Fonseca potrebbe giocare da esterno, o da falso nueve, con Under e El Shaarawy ai suoi lati. Il Napoli avrebbe proposto Diawara, che ha una valutazione maggiore, anche (e soprattutto) per la giovane età. Per i giallorossi però la priorità resta il belga. L’affare, se andrà in porto, non si concretizzerà prima del 30 giugno. I giallorossi dovranno mettere a bilancio il +36 della cessione di Manolas in questa semestrale, e da luglio potranno pensare più liberamente agli acquisti. Ecco perché (solo in apparenza) le due operazioni saranno slegate. L’accordo manca ancora, ma c’è la volontà delle parti di raggiungere la fumata bianca.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy