Roma, la linea verde di Monchi: da Kluivert a Coric il ds è a caccia di baby talenti – FOTO

Per Gandini l’obiettivo è migliorare la rosa, ringiovanendola. Il talento croato è vicino, il figlio d’arte dell’Ajax l’ultima suggestione. In Italia occhi puntati su Cristante e Torreira, mentre Luca Pellegrini è il terzino sinistro del futuro

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

LA NUOVA ROMA DI MONCHI

Più giovane, più forte e possibilmente con ingaggi meno pesanti. La nuova Roma di Monchi avrà queste caratteristiche stando a sentire le parole dell’amministratore delegato della Roma Umberto Gandini al Sole 24 Ore. Le strategie del direttore sportivo in questo senso sembrano chiare già da oggi. Ma linea verde non è una novità assoluta. Dall’arrivo della società americana nella capitale non sono mancati acquisti di calciatori giovani e potenzialmente promettenti. Del resto, la filosofia del diesse Sabatini era simile a quella di Monchi: trovare in giro per il mondo baby meteore, farli crescere e in caso di crack rivenderli per ricavarne plusvalenze. Un esempio eclatante è quello di Bojan Krkic, arrivato nel 2011 con la speranza di aver acquistato il nuovo Messi per poi rivenderlo a cifre ben superiori al suo prezzo di acquisto. Stesso discorso per Lamela, Dodò, Marquinhos, Piris, Paredes, Iturbe, Emerson e Sanabria: tutti giocatori provenienti dal Sud America (tanto apprezzato dall’ex diesse giallorosso) e che hanno portato liquidità nelle casse di Trigoria.
Dal 2011 al 2017 numerosi calciatori di passaggio, pochi talenti rimasti a Roma per fondare una squadra e portarla verso un traguardo concreto. Ljajic, Jedvaj, Uçan, Rudiger, Ponce, Salah, El Shaarawy e Gerson: la linea verde è la base del credo giallorosso. Con Monchi, questo fondamento può diventare ancora più solido: Under, Pellegrini e Schick ne sono la riprova. E a giugno i tifosi della Roma possono sicuramente aspettarsi l’arrivo di nuovi baby talenti.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 3 anni fa

    come hanno già scritto, la linea verde da sola non basta a vincere. Se poi vogliamo fare l’Udinese parte seconda è un altro discorso, la mia speranza ovviamente è che non sia così.
    Cristante prima di arrivare all’Atalanta ha fallito ovunque, siamo proprio sicuri che ne valga la pena?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fernandomattiacc_339 - 3 anni fa

    Si ok, ma se non li mischi anche con l’esperienza degli anziani, rischi di fare un botto……

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy