Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

calciomercato as roma

Mercato Roma: occasione Arthur per il centrocampo di Mourinho

Getty Images)

"Arthur era stato scelto da un altro allenatore e con Allegri trova poco spazio, vuole giocare la Coppa del Mondo e potrebbe cambiare”, le parole dell'agente Pastorello

Francesco Balzani

Quello invernale è un mercato particolare e non ci saranno grandi colpi. Tiago Pinto e Mourinho sono stati chiari sulle linee guida per gennaio quando arriveranno rinforzi ma a costo di saldo (meglio se zero) e senza fuochi d’artificio. Occhio quindi alle occasioni che si stanno presentando anche in queste ore. Tra le porte delle squadre alle quali ha bussato la Juve c’è anche quella della Roma. Prima per provare a offrire Ramsey (ora vicino all’Everton) poi per proporre Arthur Melo che con Allegri non trova spazio. Il brasiliano rischia di perdere il Mondiale ed è sulla via della cessione in prestito a gennaio. A confermarlo lo stesso agente Federico Pastorello grazie al quale in estate è arrivato Abraham: ”Di recente ho avuto il piacere di poter avere nella mia squadra Federico Bernardeschi e Arthur. Federico è contento e concentrato, mentre Arthur era stato scelto da un altro allenatore e con Allegri trova poco spazio, vuole giocare la Coppa del Mondo e potrebbe cambiare”. 

 

Dove può giocare Arthur nella Roma di Mourinho

Un centrocampista dai piedi buoni, una mezz’ala con l’animo da regista come quelli che piacciono a Mou ma soprattutto a Sarri che lo aveva scelto per la sua Juve. Arthur si è trovato meglio nel centrocampo a tre a Barcellona, quindi in quella che oggi può essere la posizione di Mkhitaryan ma in Nazionale e al Gremio ha ricoperto anche il ruolo di regista nei due di centrocampo passando dal classico doble 5 sudamericano  a una versione più internazionale della mezzala al Barcellona. Al Gremio era utilizzato appunto come uno dei due mediani del 4-2-3-1 di Renato Gaucho, o Portaluppi per chi lo ricorda a Roma: era il giocatore di recupero palla e costruzione dell'azione della squadra che vinse la Libertadores nel 2017. In questa stagione l’ex Barcellona ha trovato davvero poco spazio giocando appena 2 partite dal primo minuto dopo il recupero dall’operazione per la rimozione dell'ossificazione della membrana interossea della gamba destra. Così Pastorello si è messo a caccia di estimatori per il giocatore. L’unico intoppo è il prezzo del cartellino visto che   il valore di Arthur, nella complessa e discussa operazione per portare Pjanic a Barcellona, è stato di 72 milioni. Una valutazione ovviamente esagerata per tanti motivi. Ma la Juve non può perderlo per poco quindi si profila la cessione in prestito a gennaio per poi valutare meglio la situazione in estate.