Mercato, Lipsia al lavoro per il riscatto di Schick: la Roma non vuole fare sconti

Nei prossimi giorni è in programma il viaggio dell’agente in Germania per mediare tra i due club con i tedeschi che chiedono un taglio sui 28 milioni previsti per il riscatto

di Redazione, @forzaroma

Riscattarlo o no, questo era il dilemma del Lipsia su Schick fino a qualche mese fa. Poi il rendimento del centravanti ceco (7 gol in 15 partite di campionato) ha convinto la società a lavorarci per rendere il suo acquisto a titolo definitivo. Come riporta Sky Sport, i contatti tra la Roma e il club tedesco sarebbero ben avviati e in uno stato avanzato che lascia ben sperare per l’esito della trattativa. Senza sconti da parte del club giallorosso, che non vuole cedere sulla cifra di 28 milioni (29 in caso di Champions) prevista dal contratto. Importante sarà anche la volontà del giocatore. “Mi piacerebbe restare in Germania” ha detto prima del nuovo anno il centravanti ceco e quasi 4 mesi dopo non ha di certo cambiato idea.

VIAGGIO – L’emergenza da Covid-19 ha stravolto il mondo del calcio e messo in sofferenza i conti di tanti club, per questo dalla Germania sperano in uno sconto da parte della Roma. Non del 50% come trapelato inizialmente perché anche i giallorossi non possono permettersi di certo una minusvalenza considerando i 42 milioni spesi quasi tre estati fa. Decisivo allora potrebbe essere il viaggio dell’agente di Schick, Paska, in Germania e in programma nei prossimi giorni. Dovrà mediare per accontentare tutti: club e giocatore. La sensazione è che alla fine si possa chiudere con un risparmio del 20-25% da parte del Lipsia rispetto ai 28 milioni preventivati. Anche i giallorossi, così facendo, riuscirebbero comunque a dare un po’ di respiro ai conti, tutto questo in attesa di capire anche come la FIFA deciderà di comportarsi con i contratti in scadenza il prossimo giugno.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy