Mercato, Ausilio ‘sfida’ la Roma: “Seguiamo Tonali, Mancini e Barella”

Mercato, Ausilio ‘sfida’ la Roma: “Seguiamo Tonali, Mancini e Barella”

Il ds dell’Inter esce allo scoperto puntando alcuni dei talenti azzurri che interessano molto anche a Monchi

di Redazione, @forzaroma

Roma e Inter si sono scontrate da poco sul campo, ma presto potrebbero tornare a incrociare le spade anche in sede di mercato. Negli ultimi mesi diversi talenti italiani hanno catturato l’occhio delle big italiane, con giallorossi e nerazzurri sempre in prima fila. Il ds interista Piero Ausilio ha fatto il punto sui calciatori nell’orbita di Appiano Gentile: “Noi abbiamo valori e qualità che devono essere messi in condizione di esprimersi – riporta tuttomercatoweb.com -. Se riusciamo a trovare qualità negli italiani, siamo anche contenti. Al momento qualcosa stiamo guardando: Tonali, Barella e Mancini sono tre di questi. Proprio Sandro Tonali del Brescia e Gianluca Mancini dell’Atalanta (oltre a Nicolò Barella del Cagliari), in particolar modo il primo, sono due dei gioielli azzurri che anche Monchi sta tenendo sotto stretta osservazione. 

Ausilio, a margine del premio Manager dell’Anno a Milano, ha continuato anche sul tema del Fair Play Finanziario: Sono stati quattro anni durissimi anche se il FFP non sparisce. Bisogna sempre spendere in base al guadagno. Noi siamo riusciti a farcela attraverso peripezie e cambi di proprietà. Non abbiamo fatto contenti tutti i tifosi perché all’Inter si chiede di vincere. Dopo il triplete è iniziato un percorso con lo scopo di ripartire e noi siamo ripartiti. C’è una proprietà molto ambiziosa nonostante la lontananza. Il presidente però è vicino a noi, sta strutturando il club in maniera precisa con l’inserimento di elementi di alto livello come Beppe Marotta. Si vuole ovviamente portare l’Inter dove merita, speriamo al più presto possibile. I paletti in questi anni, ammortamenti e tetti salariali, sono stati davvero tanti. Il problema non è tanto iscrivere un numero di calciatori in lista UEFA, e probabilmente abbiamo anche pagato in questo senso in Champions, quanto sapere come si compila la lista stessa. Quest’anno abbiamo tenuto fuori giocatori indipendentemente dalle valutazioni del nostro allenatore Spalletti. Ci ha penalizzati. Se ci dicessero di iscrivere un numero limitato, al di là dei nomi e delle relative cifre di acquisto sarebbe tutto più semplice”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy