L’Al Jazira ha fatto retromarcia sull’acquisto di Gervinho per problemi di cassa

A bloccare tutto ci ha pensato lo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan, già proprietario del Manchester City, che controlla anche il club di Abu Dhabi

di Redazione, @forzaroma

Secondo France Football, che cita una fonte vicina alla trattativa fallita tra la Roma e l’Al Jazira per la cessione di Gervinho, il Club arabo ha fatto retromarcia a causa delle alte spese già affrontate per la rosa dei giocatori, e in particolare per l’acquisto di Thiago Neves e per il contratto di Mirko Vucinic il quale guadagna 4,5 milioni l’anno. A bloccare tutto ci ha pensato lo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan, già proprietario del Manchester City, che controlla anche il club di Abu Dhabi.

Le notizie circolate sui benefit chiesti dall’ivoriano, smentiti giorni fa proprio dal diretto interessato e sempre al sito del settimanale francese, sarebbero state un espediente per giustificare la fine della trattativa. La stessa fonte precisa infatti che ogni giocatore messo sotto contratto dall’Al-Jazira avrebbe lo stesso “pacchetto” di bonus, tra i quali una casa, un automobile suv e sette voli aerei all’anno a disposizione dei familiari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy