La Roma punta Sanchez: dallo stipendio a Fonseca. Ecco come l’affare diventa Maravilla

Nella prossima sessione di calciomercato può tornare di moda il cileno. Può giocare con Dzeko o esterno, ma servirà uno sforzo sull’ingaggio per rientrare nei parametri del club

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

La scorsa estate fu davvero vicino prima dell’assalto di Conte, ma già ai tempi dell’Udinese Alexis Sanchez dalle parti di Trigoria è sempre piaciuto. Ora che la strada tra lui e l’Inter sembra già essere arrivata al capolinea l’occasione di organizzare un altro matrimonio torna viva. El Niño Maravilla, complici gli infortuni, ha realizzato un solo gol in 15 partite a Milano difficilmente i nerazzurri decideranno di riscattarlo. A 32 anni c’è forse l’unica occasione per dimostrare di essere ancora (almeno parzialmente) il fenomeno visto a Udine, Barcellona e Londra prima del tracollo col Manchester United. Lo dicono i numeri: con l’Arsenal ha segnato 80 gol in 166 match, in Catalogna 47 in 141 mentre con l’Udinese nel 2010-2011 (dopo due anni di ambientamento) furono 12 in 33. Numeri decisamente diversi coi Red Devils: 5 gol in due anni.

Quanto guadagna Alexis Sanchez?

 

Tra parte fissa e bonus legati alle presenze, il totale, al netto, fa 11 milioni di euro circa. Impossibile per la Roma ma per qualsiasi squadra d’Europa, soprattutto di questi tempi. Lo sa bene il Manchester United che con l’Inter aveva trovato questo accordo: i nerazzurri ne pagano 5,5 senza bonus individuali ma solo di squadra, il resto lo continua a pagare lo United (altri 5,5 circa). Solo con un’operazione del genere e un prestito con diritto di riscatto, la Roma, se lo può permettere. Petrachi, anzi, dovrà trovare una formula ancora più vantaggiosa per rientrare nei parametri del club. E in questo senso lo stesso Sanchez potrebbe limare in parte l’ingaggio e arrivare a far spendere alla Roma non più di 4 milioni a stagione. Il cileno stavolta non dovrebbe dire no. E non deve chiedere pareri in famiglia visto che è single convinto. Da quasi due anni quando ha annunciato la rottura con la sua ex fidanzata, Mayte Rodriguez (attrice e modella). La vita privata di Sanchez è sempre stata al centro del gossip. Un carattere non semplice per il cileno che negli ultimi anni lo ha penalizzato dal punto di vista calcistico. È molto attivo anche sui social. Il suo profilo Instagram (@alexis_official1) è seguito da oltre 9 milioni di persone e si possono trovare foto sia dedicate alla vita privata che a quella professionale.

In che ruolo gioca Alexis Sanchez?

 

Sanchez in carriera ha ricoperto tutti i ruoli offensivi in squadre che facevano del gioco corale il loro punto di forza. Ha giocato in coppia con Di Natale nel 3-5-2 di Guidolin per poi andare al Barcellona. L’arrivo in Spagna coincide con l’inizio di una trasformazione che si completerà più avanti nel tempo. Da ala destra si trova poi a giocare frequentemente anche sulla sinistra e grazie a Messi apprende molto dal punto di vista dell’accentramento. Con Wenger all’Arsenal la maturazione tattica è completa. Diventa l’ala sinistra ma anche il regista offensivo della rosa londinese. Il gioco passa da Sanchez oppure da Ozil. Nell’ultima stagione gioca addirittura da prima punta con ottimi risultati. Insomma per Fonseca un jolly perfetto, con esperienza internazionale e la possibilità di essere la spalla di Dzeko, l’esterno nel tridente di trequartista o anche lo stesso vice del bosniaco in attacco. Se sta bene.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy