As Roma, il debito sale a 170,3 milioni

As Roma, il debito sale a 170,3 milioni

La Neep Roma Holding ha versato 57,2 milioni; il club giallorosso ha un indebitamento finanziario consolidato lordo di 190,7 milioni, di cui l’85% verso Unicredit

I debiti finanziari netti del gruppo As Roma nell’ultima stagione sono aumentati di 40,4 milioni, a 170,3 milioni di euro. Cifre da capogiro per la Magica. Le perdite del bilancio al 30 giugno scorso, scrive Dragoni su Il Sole 24, pur diminuite a 14 milioni rispetto ai 41,2 milioni della stagione precedente, hanno aggravato lo squilibrio patrimoniale: il patrimonio netto consolidato è infatti negativo per 117 milioni.

Dopo il 30 giugno e fino al 6 ottobre scorso, quando il CdA del club ha approvato il progetto di bilancio, la Neep Roma Holding ( che possiede il 79,04 % della Roma) ha versato 57,2 milioni «in conto futuro aumento di capitale». La relazione del CdA al bilancio afferma che questi versamenti «hanno permesso alla società di fare fronte ai propri fabbisogni derivanti dall’attività operativa e dagli investimenti effettuati, e di pagare regolarmente le retribuzioni dovute ai tesserati e le imposte correnti». La Roma, in sintesi, ha potuto pagare gli stipendi, le tasse e i debiti verso altri club grazie a un’iniezione straordinaria del socio di controllo.

La Neep è una società italiana, mentre il suo socio unico è negli Stati Uniti, la As Roma Spv Llc, società con sede nel Delaware. Dietro a questa catena, almeno ufficialmente, c’è il presidente della Roma nonché presidente e a.d. della Neep, James Pallotta. Da Boston l’attuale numero uno giallorosso, prese in carico la Magica quando Unicredit passò la mano. A ben guardare, però, la banca è sempre coinvolta nella Roma. È il finanziatore principale del club. La Roma ha un indebitamento finanziario consolidato lordo di 190,7 milioni, di cui 162,6 milioni (l’85%) verso Unicredit.

Nell’ultima stagione, tra i costi, c’è un’impennata degli oneri finanziari netti, da 7,8 a 18,31 milioni, per commissioni e interessi passivi. La gestione calciatori, tra plusvalenze e altri proventi, ha dato un saldo positivo netto di 64 milioni. Nell’esercizio, la principale cessione è stata quella di Alessio Romagnoli, passato al Milan per 25 milioni (23,86 milioni di plusvalenza). Il club ha iscritto nel bilancio anche la plusvalenza di 28,27 milioni per il trasferimento di Pjanic alla Juventus per 32 milioni a cui «è stata data esecuzione» nel giugno 2016. Anche per quest’anno il bilancio della Roma è previsto in perdita.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy