Atalanta-Roma 3-3 LE PAGELLE: King Edin e Zani…Oro non bastano. Olsen e Marcano da Subbuteo

Atalanta-Roma 3-3 LE PAGELLE: King Edin e Zani…Oro non bastano. Olsen e Marcano da Subbuteo

Altra gara a doppia faccia di una Roma che soffre in difesa con gli errori di Olsen e Marcano, ma che nel primo tempo aveva fatto valere la freschezza di Zaniolo e la fame di Dzeko. A centrocampo spariscono senza preavviso Pellegrini e Cristante, male i subentrati Kluivert e Florenzi

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

OLSEN 5

Resta sempre inchiodato sulla linea come il portiere del Subbuteo. Un difetto che aveva mostrato nelle prime uscite stagionali, ma che sembrava aver perso. Strepita per il tiro che finisce di un soffio fuori di Ilicic, poi su un cross in aerea piccola rischia di abbattere Zapata con un’uscita imbarazzata. Poca roba rispetto a quello che si aspettava qualche ora prima. Il troppo relax però lo ammorbidisce così sul colpo di testa di Castagne arriva leggermente in ritardo, male mailissimo anche sulla zampata di Zapata. E non basta l’alibi della deviazione di Manolas. Può solo osservare quello di Toloi.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 3 settimane fa

    Non è questione di morale: il problema sta nella PALESTRA. Chi è chi dà il “fiato” ai giocatori? Il professore di educazione fisica. Che sta in palestra, con i suoi attrezzi, con i massaggiatori, i preparatori atletici e tutto lo staff che sta NEL CHIUSO della palestra. Quando i calciatori sono GIA’ STATI PREPARATI IN PALESTRA, allora passano sul campo, dove DOVREBBE comandare
    l’allenatore. Questo è il problema: qui non c’entra la psicologia.Il morale è già nei giocatori, con gli ottimi ingaggi che percepiscono. Svegliatevi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. noel - 3 settimane fa

    Purtroppo, e non e` la prima volta, la Roma e` rimasta nello spogliatoio per il secondo tempo.

    Il gol dell’Atalanta, quello dello 1 a 3, e` stato devastante per il morale dei nostri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy