Undici uomini e una gamba: la Roma non corre più, ecco i dati che scoraggiano Ranieri

Undici uomini e una gamba: la Roma non corre più, ecco i dati che scoraggiano Ranieri

Solo quattro squadre hanno fatto peggio e ci sono solo quattro romanisti nei primi 150 del campionato. Pallotta vuole cambiare, ma intanto ha richiamato Ed Lippie. E in estate sarà ancora Trigoria e tournée negli Usa

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Il senso della situazione è tutto qui: “Cerco di aiutarli ma gli altri corrono di più”. Ranieri non gira intorno al problema, anzi. Poi prova a darsi una spiegazione: “I ragazzi mi hanno detto che è colpa degli infortuni”. Insomma, che si corra poco e male è evidente e a Trigoria se ne parla eccome. E non è bastato rinunciare al pressing senza sosta di Di Francesco o cominciare a fare piazza pulita dei preparatori per cambiare le cose. A guardare i dati viene tristezza: la Roma è quindicesima per chilometri a partita e nei 150 migliori del campionato ci sono solo quattro romanisti. Se non è un’agonia, poco ci manca.

DOVE SEI? – Se si scorrono le classifiche dei dati personali e di squadra viene da chiedersi dove siano la Roma e i suoi giocatori. Udinese, Torino, Sampdoria, Genoa e Fiorentina sono le uniche squadre che corrono meno: addirittura Frosinone, Empoli e Chievo fanno di più. E se si guarda ai singoli non c’è consolazione: Nzonzi, Kolarov, Cristante e Fazio sono gli unici nei primi 150 della Serie A per chilometri di media a partita. Ironia della sorte: al sesto posto c’è ancora quel Kevin Strootman che nell’unica apparizione a Torino ha raggiunto una vetta che pochissime volte è stata toccata dai suoi ormai ex compagni.
E se non corri, gli altri arrivano prima sul pallone. Ecco perché anche nei recuperi bisogna scrollare parecchio verso il basso per trovare qualche romanista: Fazio l’unico nei migliori venti, poi solo Manolas, Nzonzi, Kolarov e Cristante nei primi cento (e non a caso i “migliori” anche nel dato precedente).

RIPARTIRE – Se si aggiungono i 41 infortuni muscolari ecco che la centrifuga è fatta. “Tutti sanno cosa è andato storto e per questo abbiamo dovuto cambiare” ha detto Pallotta ieri. Un messaggio neanche troppo velato a Di Francesco e a parte dello staff, a partire da Del Vescovo e Stefanini, che nelle scorse settimane hanno salutato Trigoria. Cambierà tutto o forse non cambierà niente: ieri all’Olimpico c’era Ed Lippie, che è il nuovo capo dei fisioterapisti. E per l’estate, a meno di sorprese dovute alle possibili imposizioni del prossimo allenatore (Sarri per esempio è un grande fan del ritiro in montagna), si resterà a Trigoria prima della tournée negli Stati Uniti, che tanto piace alla dirigenza e meno ai tifosi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy