Schick, il personal trainer a FR: “Ha risolto i problemi fisici. Il mental coach? Scelta giusta”

Schick, il personal trainer a FR: “Ha risolto i problemi fisici. Il mental coach? Scelta giusta”

Il ceco vuole prendersi la Roma nel 2019. Le parole di Michal Bretenar a ForzaRoma.info: “Patrik aveva un problema specifico, adesso sta bene. Mi piacerebbe collaborare con i giallorossi”

di Valerio Salviani, @vale_salviani

La stagione di Patrik Schick era iniziata tre settimane prima dei suoi compagni. Lo scorso giugno si era messo al lavoro mentre gli altri stavano ancora al mare, per iniziare al massimo quella che doveva essere la stagione del riscatto. Per farlo si era affidato a Michal Bretenar, il personal trainer che ancora oggi segue l’attaccante nella sua crescita. “Patrik aveva un problema di respirazione specifico, ma adesso siamo riusciti a risolverlo” ha detto a ForzaRoma.info.

CRESCITA – Ieri l’agente di Schick, Pavel Paska, ha fatto sapere che l’attaccante non si muoverà da Roma. Una decisione presa dalla società, che crede ancora nelle potenzialità del giocatore. L’attaccante, dal canto suo, ce la sta mettendo tutta, tanto che ha deciso chiedere aiuto anche a un luminare del mental coaching. “E’ la scelta giusta. La peggior cosa per provare a crescere è non fare niente – ha spiegato Bretenar -. Il tempo ci rivelerà dove Patrik sarà in grado di arrivare”. Nelle vacanze il numero 14 della Roma non ha scelto la meta esotica come molti colleghi, ma ha preferito tornare a casa per cercare la forza nelle persone più importanti. L’incontro con Bretenar non c’è stato, ma “spero di venire presto a Roma per trovarlo” ha detto l’allenatore.

COLLABORAZIONE – I sogni nel cassetto non riguardano solo Schick. Negli ultimi tempi Bretenar ha iniziato collaborazioni con atleti di tutti i tipi. Con il suo metodo di lavoro e il suo monitor MOXY, che gli permette di avere un feedback preciso sull’ossigeno presente nei muscoli, è riuscito a mettersi in mostra diventando uno dei personal trainer più influenti in Repubblica Ceca. Il suo obiettivo adesso è mettere i piedi fuori dal confine: “Guardo sempre le partite di Patrik, mi piacerebbe molto iniziare una partnership con un club del calibro della Roma. Non conosco i loro metodi di lavoro, ma spero di visitare presto il centro di allenamento”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy