Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

rubriche

‘RADIO PENSIERI’, LENGUA: “Perché dare responsabilità a Mourinho e non a Pinto”

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d'Italia. Una pluralità di stazioni che fungono da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche:

Federico Nisii (Teleradiostereo 92.7) “Se Mayoral fa una doppietta lunedì io lo tengo. Il prestito scade a giugno perché dovrei darlo via. Le occasioni vanno colte così come quelle nel mercato. La Roma ha bisogno di un centrocampista e di un terzino. Se prendiamo due giocatori giusti e uniamo il ritorno di Spinazzola si può ancora pensare a fare un buon campionato rispetto allo scorso anno. Il quarto posto è complicato ma già arrivare quinti significherebbe fare meglio dello scorso anno”.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio - 104.5): “La stiamo facendo troppo lunga su Mayoral. Non possiamo basare i nostri giudizi per la partita di giovedì. Cambiare radicalmente opinione sull’attacco della Roma per un gol al CSKA Sofia mi sembra esagerato. Per quanto riguarda Shomurodov bisogna chiedere a Pinto perché ha speso 18 milioni di euro per lui, quando avevi l’alternativa in casa. Non capisco perché si danno le responsabilità a Mourinho e non a Pinto. E’ lui che prende gli accordi e che decide chi prendere. Le responsabilità sono le sue, a questa squadra mancano diversi giocatori".

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio - 104.5): “Non sarà una partita semplice. Lo Spezia è una squadra che gioca a calcio ma i valori tecnici sono completamente diversi. Non ho capito perché Mayoral non ha mai giocato e non capisco i soldi spesi per una riserva del Genoa. La Roma aveva già un’alternativa ad Abraham e poi è stato preso Shomurodov a 18 milioni di euro. Lo spagnolo non è un calciatore straordinario ma quello che colpisce è la superficialità con la quale ha messo alcuni giocatori fuori dal progetto. Pedro per esempio alla Lazio è decisivo, i Friedkin dovrebbero chiederglielo. Mayoral è stato accusato per il primo tempo di Bodo, quando la Roma stava perdendo 2 a 1. Dobbiamo mettere in discussione l’allenatore e non solo la rosa perché lui ha messo ai margini giocatori come Diawara e Villar".

Paolo Marcacci (Radio Radio Pomeriggio - 104.5): “La Roma non è scarsa come uomini. E’ carente in alcune parti. Karsdorp e non ha una riserva e a centrocampo non abbiamo un gran giocatore. A Mourinho rimprovero solo il post Bodo-Roma. Per quanto riguarda Mayoral direi di andarci cauti. Shomurodov l’anno scorso aveva dimostrato qualcosa, quest’anno non sta segnando tanto ma non mi sento di bocciarlo definitivamente".

Francesco Balzani (Centro Suono Sport 101.5 - Te la do io Tokyo): “Negli anni sono stati dati via tanti giocatori giovani che potevano fare comodo. Adesso il lavoro di Bruno Conti è apprezzato, basta vedere Bove e come sta andando la Primavera. Anche Felix è un prodotto del vivaio ma c’è lo zampino di De Sanctis. Ad oggi Frattesi sarebbe molto più utile di Villar. In passato il lavoro sui giovani è stato pessimo e alcuni giocatori ad oggi sarebbero importanti in questa Roma”

Ugo Trani (Centro Suono Sport 101.5 - Te la do io Tokyo): "Non si può dire che i Friedkin non abbiano messo i soldi, tra l’acquisto, i debiti, l’aumento di capitale, i mega stipendi dei giocatori, di cui alcuni regalati. Però loro vogliono andare per gradi. La gente ha meno pazienza perché ha avuto 10 anni di pazienza senza ottenere niente, in questo sono stati sfortunati. Però se spendi i soldi per rinforzare la squadra non li puoi buttare per Shomurodov. Se ti serve il centrocampista lo devi andare a prendere. Pinto può essere utile per far funzionare le cose a Trigoria, per le relazioni, per il back office, ma serve chi fa la squadra. A me andrebbe bene se la facesse Mourinho. Hai sbagliato a prendere Tiago Pinto. E anche a fargli scegliere Gould, che vi posso assicurare che a livello internazionale è considerato zero".

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.7): "Afena-Gyan ha avuto un exploit, ma ancora ne deve mangiare di pagnotte. Shomurodov sta scontando l’inesperienza a certi livelli, può essere utile in partite che la Roma però non sta mai giocando, ovvero quando sei in vantaggio e ti concedono spazi. E’ un’ottima seconda punta, ma gli mancano i gol. La Roma ha migliorato la fase difensiva, ha preso meno gol gratuiti, anche se ne ha fatto uno in meno della Samp. Smalling darebbe una mano grossa per dare sicurezze ed esperienze e carisma. Si deve lavorare di più sulla fase offensiva, si ha l’impressione che il giro palla sia lento, non ci siano automatismi".

Gianluca Lengua (Radio Radio Mattino, 104,5): "La prima a cui non interessa la Conference League è l’Uefa, è fatta esclusivamente per racimolare qualcosa a livello di sponsor. Non entusiasma nessuno, neanche Mourinho, basta vedere che formazioni schiera. Lui deve dire che la onora, ma poi vediamo come si comporta. Mourinho deve arrivare in Champions, poi puoi anche vincere Coppa Italia o Conference League. Mayoral ha fatto bene col CSKA, che però è una squadra della nostra serie B. Con lo Spezia la scelta più adeguata sarebbe Shomurodov, che va valorizzato visto che è stato pagato 18 milioni. Mayoral non avrebbe senso, fino ad ora lo hai bocciato e non puoi basarti sul CSKA Sofia. Aspetterei a farlo giocare ancora".

Furio Focolari (Radio Radio Mattino, 104,5): "La Conference League non si può vedere. Senza il Tottenham la Roma diventa la grande favorita per vincerla".

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino, 104,5): "L'esclusione del Tottenham sarebbe senza senso, non ha una base di nessun tipo. Per la Roma è un aiuto, ma la Conference League non mi entusiasma per niente, anche se Mourinho la fa passare per un’impresa titanica. Champions lontana? Quando sei un club serio come la Roma non puoi pensare già ora all’anno prossimo. Il caso Shomurodov è clamoroso, la Roma ha pagato 18 milioni per una riserva del Genoa. Ora Mourinho è un genio perché ha rispolverato Borja Mayoral, ma è lui che lo ha impolverato. Ora devi far giocare Shomurodov, altrimenti va aperta un’inchiesta interna sui motivi che te lo hanno fatto prendere. È nell’interesse della società farlo giocare visto quanto lo hanno pagato".

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino, 104,5): "La Roma si deve svegliare altrimenti rischia di fare un campionato anonimo. Il mercato di gennaio potrebbe finire in una bolla di sapone se non stai attento. Mayoral alla Roma ha fatto bene, Mourinho avrà i suoi motivi.Il portoghese ha portato con sé una tifoseria che in certi momenti poteva essere staccata, ha fatto breccia nel cuore dei tifosi. Poi ha creato un gruppo di lavoro che dà tutto. L’altra sera Mayoral non mi è sembrato uno fatto fuori. Il suo lavoro va giudicato alla fine della stagione. La squadra però perde in certi momenti tutto quello che l’allenatore cerca di dargli. La resa con l’Inter fa pensare, il mercato a parte Abraham - che per me è un ottimo giocatore - è discutibile. A gennaio serve un terzino destro e un centrocampista, anche due, che sia un lanciatore e che vada in avanti".

Nando Orsi (Radio Radio Mattino, 104,5): "Danno via Mayoral per valorizzare Shomurodov sul quale hanno investito molto".

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino, 104,5): "Ci vuole tempo per Mourinho ma bisogna far vedere i progressi. La Roma ha iniziato bene ma poi si è persa. Le parole di Pellegrini lasciano il tempo che trovano. Mentalità vincente? Contro l'Inter non l'ho vista. Mourinho è stato preso a maggio, tre mesi per fare il mercato senza avere altri pensieri non li ha avuti nessuno. Su Shomurodov c'è un grosso equivoco".