Roma-Montella: ci siamo. E in lista spunta Asamoah

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – M.Cecchini) C’è un antico proverbio ebraico che recita: «Quando l’uomo pensa, Dio ride». Il senso è chiaro: le pur legittime pianificazioni, strategie e grandi elucubrazioni spesso hanno la friabilità delle nostre ossa nei confronti del tempo.

La Roma ha scommesso su un futuro che, diventato presente, ha avuto un esito inaspettato: un allenatore non esonerato bensì (…) in qualche modo dimissionario. Il dopo Luis Enrique in fondo comincia da qui, dall’inesorabile bisogno di normalità che attraversa l’ambiente giallorosso, che però per certi versi sembra quasi un passo indietro rispetto al Grande Sogno al momento scolorito. Comunque a tracciare la rotta ci ha pensato già De Rossi: «Occorrono velocità, organizzazione e grandi investimenti». Quasi un diktat che in conferenza il d.s. Sabatini pare non avere troppo gradito, ma l’effetto c’è stato, visto che la pista Vincenzo Montella è diventata ormai bollente. Il contatto tra la Roma e la dirigenza etnea è avvenuto. E l’Aeroplanino sembra a un passo.

Contratto alla Luis Giovedì Montella concluderà il lavoro stagionale col Catania e a quel punto le strategie diventeranno più chiare. Di sicuro un giallorosso finirà in comproprietà alla corte di Pulvirenti, a mo di indennizzo per la partenza di un allenatore sotto contratto fino al 2013. Il primo indiziato è Crescenzi, ma restano i nomi di Florenzi, Stojan e Bertolacci. Come si può capire il problema al momento non pare insormontabile. Resta il discorso legato al futuro della Roma «montelliana». L’ex attaccante giallorosso è pronto a firmare un contratto biennale con opzione per il terzo anno (…) su cifre analoghe a quelle di Luis Enrique circa 3 milioni lordi, sapendo che comunque la squadra sarà modificata. Certo, i conti licenziati dalla trimestrale di martedì non sono positivi. L’esposizione nei confronti di UniCredit è pari a 79 milioni e, se si pensa che il fatturato complessivo del consolidato arriverà faticosamente a 120, fa capire lo sforzo che occorra per coltivare ambizioni. In attesa della uscita dalla borsa, entro il 30 giugno arriverà la ricapitalizzazione di 50 milioni, che però in realtà è di 30, visto UniCredit da bilancio ha già versato la sua parte il 19 ottobre scorso e ha già opzionata 15 milioni di crediti di diritti tv per la prossima stagione.

Retroscena Villas Boas Tra l’altro, questo spiega anche il passo indietro sul fronte di Villas Boas, che era lusingato dalla possibilità di sbarcare a Roma per voltare provare ad aprire un ciclo. Sembra però che le prime richieste siano state: per la difesa Rolando Porto, per il centrocampo Fernando Porto e per l’attacco uno tra Falcao Atletico Madrid e Cavani. Un po’ troppo per questi tempi così incerti.

Sissoko e Nilmar Per questo gli obiettivi attuali al momento paiono buoni Baldini è in Usa anche per convincere Pallotta a spendere anche se mediaticamente meno glamour: Palacio Genoa, Barrientos Catania, Silvestre Palermo, Bastos Lione, Spolli Catania e il difensore colombiano Pedro Camilo Franco Millonaros di Bogotà, mentre a centrocampo prende quota Asamoah Udinese o, come alternativa Sissoko Tolosa. Occhio però, perché un grande acquisto ci sarà, soprattutto nel reparto difensivo. Ma anche in attacco non è escluso qualche colpo di scena. Nilmar? soprattutto se si riuscisse a piazzare Osvaldo alla stessa cifra per la quale è stato acquistato 15 milioni. Inutile dire, però, che i nomi che ruotano attorno alla Roma in questo momento sono tantissimi. Toccherà anche a Montella tracciare la rotta e provare a volare in alto. Ma per chi ha un soprannome come Aeroplanino, in fondo, non dovrebbe essere un grosso problema.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy