Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Il ritorno di Zaniolo: la Roma vuole ancora i suoi gol, lui un segnale per il futuro

Getty Images

Dopo la squalifica Nicolò torna a dare una mano alla Roma di Mourinho a rialzare la testa ed a tornare a quella vittoria

Redazione

Nella sua mente ripartirà proprio da lì, da quella corsa sfrenata sotto la curva Sud e quell’urlo strozzato in gola quando Rosario Abisso, l’arbitro di Roma–Genoa, gli ha annullato il gol della probabile vittoria, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. Nicolò Zaniolo sabato tornerà proprio sul luogo del delitto, lo stadio Olimpico, che poi da qualche anno è anche il giardino di casa sua, ma chissà se lo sarà anche in futuro. Lì il 5 febbraio ha preso il secondo cartellino rosso della stagione, lì cercherà di dare una mano alla Roma di Mourinho a rialzare la testa ed a tornare a quella vittoria che serve come il pane per non perdere ulteriore terreno con le squadre che precedono i giallorossi. Zaniolo continua a giocare una doppia partita, quella in campo e quella fuori. In campo, ovviamente, sta alle direttive di Mourinho, schierato quasi sempre al fianco di Abraham, per una coppia che può anche diventare quella su cui la Roma punta a costruire l’attacco del futuro. Fuori, invece, balla sempre la questione del rinnovo contrattuale, che per alcune questioni anche lo disturba. Zaniolo infatti ha nella mente un rinnovo che gli è stato promesso da tempo, da quando c’era ancora la vecchia dirigenza e prima del doppio infortunio. La Roma, però, nel frattempo ha congelato tutti i possibili nuovi accordi, non solo quello di Nicolò. Tutto rinviato a fine stagione, con i Friedkin che hanno preso questa decisione “politica” anche per evitare i sussurri di una piazza che non gradirebbe oggi vedere dei rinnovi all’interno di una squadra che sta altamente deludendo le aspettative iniziali.