Spinazzola-Politano finisce in Tribunale

Spinazzola-Politano finisce in Tribunale

Roma e Inter ai ferri corti, tutto parte da Dzeko e termina con lo scambio saltato. I giallorossi pronti alla causa per mancato rispetto dell’impegno precontrattuale

di Redazione, @forzaroma

Spinazzola a Trigoria e Politano ad Appiano Gentile, come se, da lunedì, non fosse accaduto niente. E, invece, è successo che la Roma e l’Inter, non essendo riuscite a trovare l’accordo per lo scambio, sono di nuovo allo scontro totale, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

Dal mercato estivo a quello invernale, è sempre alta tensione. I club di Pallotta e Zhang proprio non si sopportano. È guerra aperta non essendosi, del resto, mai interrotta quella che ha visto al centro della contesa Dzeko e il suo mancato trasferimento a Milano (non ci fu intesa sul prezzo del centravanti). Ausilio, ds nerazzurro, ha provato a ricucire il rapporto dialogando ad inizio settimana con Petrachi, ma Marotta, pure per dimostrare al suo collaboratore di essere l’unico riferimento della proprietà cinese, ha bloccato la negoziazione e, passando attraverso pretese esagerate, ha creato poi i presupposti per farla saltare. Il numero di presenze (15) e il minutaggio (minino 45′) proposti dall’ad dell’Inter per arrivare all’obbligo di riscatto dei calciatori. e così Fienga ha detto no e chiuso lì la questione.

Non è escluso che possa proseguire addirittura in tribunale: la Roma potrebbe fare causa all’Inter. Gli estremi esistono per il mancato rispetto dell’impegno precontrattuale (accordo raggiunto e quindi solo da firmare, dopo le visite mediche al Coni del terzino che è stato reputato integro). E anche per il danno d’immagine procurato a Spinazzola, svalutato proprio durante la fase cruciale della negoziazione.

La Roma, al momento solo sottotraccia, lavora per arrivare al prestito di Politano. Ufficialmente, però, riparte dal via, costretta a cercare il sostituto di Zaniolo che è uscito di scena domenica sera. Petrachi ha chiesto Suso in prestito al Milan, incassando il no di Boban e Maldini, disposti solo allo scambio con Under, Che il ds giallorsso, però, valuta più del giocatore rossonero: vorrebbe 20 milioni di conguaglio. Su Suso c’è pure il Valencia. La nuova pista porta intanto in Spagna: tentativo per Januzaj, 25 anni da compiere il 5 febbraio, della Real Sociedad. Il belga di origini albanesi è mancino e parte di solito a destra, ma sa fare anche il trequartista e l’esterno alto a sinistra. Prima dell’avventura nella Liga, esperienze con il Manchester United, il Borussia Dortmund e il Sunderland. Massimo dei gol in stagione: 4.

Resta d’attualità Shaqiri che, in questa stagione con il Liverpool, è stato utilizzato da Klopp solo per 174 minuti in Premier (1 gol) e per 256 contando anche quelli nelle coppe (da fine settembre a fine novembre indisponibile per un infortunio al polpaccio).

Petrachi, con il rientro alla base di Spinazzola, sospende ogni ricerca per il momento (se ne riparlerà a giugno) per il fluidificante mancino. In attesa che sia annunciato l’acquisto di Ibanez dall’Atalanta (il centrale è stato convinto da Fonseca), il ds sta lavorando per la cessione, a titolo definitivo (4 milioni), di Jesus alla Fiorentina. Cetin spinge per tornare in Turchia, Petrachi lo darebbe al Verona. Il portoghese, però, lo vuole ancora a Trigoria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy