Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Corriere della Sera

Mourinho lascia a casa mezza Roma: “Ma non voglio avere rimpianti”

Getty Images

Il tecnico: “Sappiamo delle nostre difficoltà, dei tanti infortuni, sappiamo che in questo momento ogni giocatore che perdiamo è un disastro"

Redazione

Riusciranno Cska Sofia e Spezia – la prima già eliminata nel girone di Conference League, la seconda quartultima in serie A con la peggior difesa del campionato (36 gol) – a riportare il sereno dentro la Roma? José Mourinho sa che i momenti neri vanno affrontati con la massima attenzione e per questo vuole dosare con il bilancino l’energie della squadra, scrive Luca Valdiserri sul Corriere della Sera. La prima partita aspetta stasera i giallorossi: contro i bulgari del Cska, avversario il gran freddo, ore 18.45 e diretta tv su Sky. Mou ha lasciato a casa Mkhitaryan, Smalling e Rui Patricio, che fin qui era stato lo stakanovista della squadra. Il problema è che alla Roma non basteranno i tre punti per vincere il girone e saltare così il prossimo turno. Serve che lo Zorya, al terzo posto e perciò fuori dall’Europa in ogni caso, fermi in casa i norvegesi del Bodo Glimt, che faranno di tutto per evitare il playoff di febbraio contro le “retrocesse” dall’Europa League. “Ho raccontato ai miei giocatori un fatto che ho vissuto di persona. Ero al Manchester United, in Champions League: noi e la Juve eravamo già qualificati agli ottavi. Per finire primi dovevamo battere il Valencia e la Juventus non doveva vincere contro lo Young Boys. Non ci abbiamo creduto, abbiamo pensato che la Juve avrebbe vinto facilmente e quindi la nostra partita non aveva grande significato. Abbiamo perso noi e ha perso anche la Juve. La sensazione, in questi casi, è che ti senti un idiota. Contro il Cska dobbiamo vincere, poi vedremo cosa ha fatto il Bodo. Quello che non deve accadere è che il Bodo non vinca e anche noi non vinciamo". Come negli ultimi tempi, Mourinho batte il tasto delle assenze per giustificare la mancanza di risultati: “Sappiamo delle nostre difficoltà, dei tanti infortuni, sappiamo che in questo momento ogni giocatore che perdiamo è un disastro. Abbiamo visto il campo, c’è un metro di neve, sarà ovviamente molto difficile. Dobbiamo anche far riposare qualche giocatore per forza. Covid, infortuni e squalifiche: tutto insieme è troppo. Noi siamo uniti e tranquilli, vogliamo vincere questa partita ma dobbiamo anche pensare al futuro e avere un po’ di timore per tutte queste cose negative. Rui Patricio ha giocato sempre, Smalling viene da un infortunio importante e in una settimana ha giocato tre partite di fila per 90 minuti, Mkhitaryan non è più giovanissimo e gioca in un ruolo che esige tanto da lui: questi tre devono per forza rimanere a casa. Con la rosa che abbiamo dobbiamo pensare di partita in partita e fare della prossima sempre la partita più importante".