Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

radio pensieri 2

‘RADIO PENSIERI’, FERRAJOLO: “Con l’Atalanta servirà una Roma da combattimento”

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d'Italia. Una pluralità di stazioni che fungono da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche:

Mario Sconcerti (Tele Radio Stereo 92.7): “Io giocherei aspettando l’Atalanta per poi ripartire perché l’attacco della Roma è l’unica zona del campo in cui i giallorossi sono superiori. La Dea è forte ma non è imbattibile. È una partita che dovrà risolvere i dubbi e che deve dire la verità, la vedo come una gran bella verifica. L’organizzazione difensiva dell’Atalanta mette Abraham nelle condizioni di mettere in difficoltà gli avversari, abituati ad aggredire alti".

Luigi Ferrajolo (Radio Radio pomeriggio 104.5): “La partita è un grande rischio ma anche una grande opportunità. La Roma non può perderne altre. Alla vigilia abbiamo una squadra che scoppia di salute e una che scoppia di dubbi. L’Atalanta in casa ha dato qualche scricchiolio. E' una squadra aggressiva, la Roma deve mettersi su quella lunghezza d’onda. Servirà una Roma da combattimento. Servirà la Roma di Mourinho, che in certe partite abbiamo visto solo contro il Napoli. Un pareggio sarebbe un ottimo risultato".

Alessandro Vocalelli (Radio Radio pomeriggio 104.5): “E’ un’opportunità per la Roma. Il campionato della Roma non può finire a dicembre. Per provare a rimanere attaccati al quarto posto serve un acuto. L’avversario è complicato. Ci arriva con tutti i titolari tranne Pellegrini, il Villarreal ha dimostrato che si può vincere a Bergamo e il Verona ha dimostrato che si può giocare con l’Atalanta fino alla fine. La Roma nonostante le difficoltà ha giocatori importanti, è complicata ma ci deve credere".

Furio Focolari (Radio Radio pomeriggio 104.5) : “La Roma ha una grande occasione ma deve fare un’impresa. Ieri ho letto una statistica avvilente: delle sette sorelle, la Lazio è ultimissima per punti realizzate con le piccole, la Roma è ultimissima nei punti conquistati con le grandi. Ha pareggiato solo con il Napoli. Perdere a Bergamo ci sta, se perdi non succede niente ma se vinci fai il salto di qualità". 

Franco Melli (Radio Radio pomeriggio 104.5): “Secondo me la Roma non deve andare a prendere alta l’Atalanta perchè loro sono rapidissimi ad uscire dal pressing da qualsiasi zona del campo. Sento che c’è tanta speranza di vittoria ma non credo. La Roma deve giocare da combattimento e cercare di togliere gli spazi all’Atalanta".

Francesco Balzani (Centro Suono Sport 101.5): “Sondaggio del Marsiglia per Diawara. Gli è andata bene con Pau Lopez e Under e ci stanno riprovando. Pau Lopez era entrato in un vortice negativo dopo l’errore nel derby. Under sta andando molto bene, lo avevamo intravisto anche qui, anche Schick sta andando bene. Speriamo sia arrivato il momento di una Roma perfetta che non vedo da Roma-Barcellona nei big match ma sulla carta parti indietro. Quella della Salernitana è una storia scritta”.

Antonio Felici (Centro Suono Sport 101.5): “La partita è tosta, sono tra quelli che pensa che non sia una partita scritta. Il risultato lo puoi portare a casa ma non puoi essere quello dello Spezia. La preoccupazione nasce dalle ultime uscite dove non abbiamo visto una Roma perfetta"

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo 92,7): "L’Atalanta è una squadra che quando sta in giornata non fa prigionieri. Non è garantito che se la Roma dovesse alzare l’asticella, allora la partita diventa equilibrata. Percepisco rassegnazione da parte dei tifosi: sembra essersi creata una situazione per cui, a prescindere, la Roma non può vincere con le grandi squadre. Da Roma-Milan con Fonseca in panchina, la squadra non ha più vinto una sfida contro una big. Ma prima o poi dovrà pur succedere che riesca a vincere. Spero di non vedere una resa nella partita di sabato, c'è modo e modo di perdere"

Furio Focolari (Radio Radio Mattino 104,5): "In casa l’Atalanta gioca peggio che in trasferta, potrebbe essere la partita giusta per la svolta"

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino 104,5): "Può essere la partita per rinascere. Se perdi a Bergamo ci sta, se fai un grande risultato darebbe un segnale importante in finire di girone d’andata. Inter e Atalanta oggi hanno un altro passo. Chiunque ci giochi contro parte sfavorito"

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino 104,5): "Condivido molto quello che ha detto Mourinho nelle ultime ore, per quello che riguarda la sofferenza. Quella di Bergamo sarà una partita difficile. Delle grandi, la Roma ha battuto la Fiorentina, pareggiato con il Napoli e poi le ha perse tutte. L’Atalanta è più forte dei giallorossi in questo momento. Sarebbe divertente se la Roma vincesse, potrebbe prendere spunto per andare più in alto. Queste partite necessitano di cambi, io vedo l’Atalanta che ha giocatori di un livello alto come ricambi. La Roma non ha queste varianti. Quando nel secondo tempo sei costretto a cambiare qualcosa, la Dea ci riesce spesso, le altre no. Farei giocare Abraham-Zaniolo, con la speranza di vedere una partita diversa da quella contro l’Inter"

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino 104,5): "Andare a Bergamo e fare la partita della svolta la vedo dura. L’Atalanta è favorita, soprattutto per quello che si è visto nell’ultima partita. Magari Abraham si sbloccherà a Bergamo, magari Zaniolo farà una grande partita. Nei singoli la Roma ha giocatori al pari dell’Atalanta, ma complessivamente quella di Gasperini è una squadra super solida, non più quella del miracolo"

Nando Orsi (Radio Radio Mattino 104,5): "Se batti l’Atalanta cominci a pensare in grande, altrimenti resta un campionato anonimo. Non lo dico tanto per la squadra, quanto per l’allenatore. Questa partita può essere risolutiva. E’ vero che la Dea ti attacca, ma guarda la partita con il Villarreal: gli spazi li concedono, le possibilità te le danno. Devi però essere molto attento difensivamente. La Roma ha giocatori d’esperienza: assemblati così stanno facendo male, ma una giornata buona la possono trovare. Se ogni domenica Zaniolo è quello che deve risolvere la partita, rimani deluso, non può essere il risolutore. Io mi sono convinto che Abraham non è un centravanti, ha occasioni ma non è un goleador"