Serie A, 24/a giornata: Napoli e Juve ancora vincenti, pari Milan. Colpaccio Chievo col Torino

Serie A, 24/a giornata: Napoli e Juve ancora vincenti, pari Milan. Colpaccio Chievo col Torino

Higuain segna su rigore il 24° gol in 24 partite, mentre Cuadrado e Dybala espugnano il campo del Frosinone. Pareggiano anche Sassuolo e Palermo

di Redazione, @forzaroma

Alle 15 in campo il grosso della 24/a giornata, con Napoli e Juve che impegnate rispettivamente con il Frosinone e il Carpi proseguono il duello a distanza per la testa della classifica. Il Milan in casa contro l’Udinese prova a confermare quanto di ottimo visto nell’ultimo mese e tiene il fiato sul collo della Roma per la corsa Champions. Il Palermo dei tanti alti e bassi fa visita ad un Sassuolo ferito dalla sconfitta interna con la Roma, mentre Torino e Chievo provano a dare una svolta positiva ad un campionato con poca continuità, soprattutto per i granata.

FROSINONE-JUVENTUS 0-2

Due parate di Leali contraddistinguono i primi 45 minuti al “Matusa”, con Sturaro e Morata che si vedono strozzare il grido in gola. Il Frosinone difende con ordine, rinuncia alla fase offensiva e lascia giocare gli ospiti, ma non sono moltissime le occasioni dei bianconeri. Nel secondo tempo le cose non migliorano, anche se a rendersi pericolosa è sempre la Juventus, stavolta con Dybala che entra in area e calcia di prima un pallone filtrante, ma un difensore ciociaro in scivolata ribatte in angolo. Il gol è nell’aria e arriva al 73′ ancora con Cuadrado, che dopo aver causato l’autogol di De Maio contro il Genoa, sigla su assist di Alex Sandro il vantaggio bianconero: 0-1. Quattro minuti dopo aver ricevuto la notizia del gol di Higuain al San Paolo contro il Carpi. Nel recupero si chiudono i giochi: assist di Morata, gol di Dybala. 

MILAN-UDINESE 1-1

Al 17′ è bravissimo Armero a gettarsi sulla respinta del palo dopo una deviazione di Donnarumma: 0-1 per l’Udinese. Giocano bene i friulani, con i padroni di casa salvati da Donnarumma in diverse occasioni. Nel secondo tempo pronti via e Bacca veste i panni di assistman e serve a Niang il gol del pareggio: 1-1. L’Udinese però continua a spingere e vuole tornare a casa col bottino pieno.

NAPOLI-CARPI 1-0

Gara da subito impostata sui binari azzurri, almeno per quel che riguarda la mole di gioco e di occasioni dalle parti di Belec. Subito Higuain sfiora il gol, poi due volte Callejon. Il primo tempo finisce 0-0 quasi per caso, il Carpi si copre e resiste alle folate di Insigne, che mette sempre in superiorità numerica i suoi saltando il diretto avversario. Nella ripresa stesso copione e al 57′ la superiorità diventa effettiva, perché Doveri rifila il secondo giallo a Raffaele Bianco, emiliani in 10 e con mezz’ora di sofferenza davanti. Sfiora il gol Koulibaly, ne viene annullato giustamente uno a Callejon per fuorigioco e lo stesso spagnolo ex Real chiede un rigore all’arbitro, ma nulla da fare. Ma al 69′ Doveri assegna il rigore per un fallo di Daprela in area di rigore. Sul dischetto va il solito Higuain che ovviamente non sbaglia: 1-0 e 24° gol in 24 partite per l’argentino. Impressionante, ormai non ci sono più aggettivi per descrivere la ferocia dell’ex Real.

SASSUOLO-PALERMO 2-2

Alla mezz’ora un positivo Trajkovski serve Vazquez al limite dell’area, l’italo-argentino carica il destro e fa partire un tiro che Consigli non riesce a intercettare: 0-1. Proprio sul finire del primo tempo Defrel punisce Sorrentino con un tiro a incrociare da sinistra a destra, palla nell’angolino basso: 1-1. La partita è sicuramente divertente. Nel secondo tempo apre i giochi Missiroli al 50′, ma dopo tre minuti Djurdjevic riceve un cross di Vazquez e punisce consigli di testa: 2-2. Ultimo quarto d’ora in 10 per il Palermo, a causa dell’espulsione per doppia ammonizione di Lazaar. 

TORINO-CHIEVO 1-2

Giocata intelligente di Immobile al 19′, servizio per Benassi che anticipa il diretto marcatore e batte Bizarri: 1-0.  Al 35′, però, Bruno Peres colpisce la palla nella sua area di rigore intercettando involontariamente un assist di Inglese, Padelli rimane immobile e per il brasiliano è autogol: 1-1. Nel secondo tempo sembra che possa maturare il pareggio, ma al 71′ Avelar commette una stupidaggine e causa il rigore per gli ospiti. Sulla palla c’è Birsa che freddamente batte Padelli: 1-2. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy