Calcioscommesse, ecco cosa rischiano i club

di Redazione, @forzaroma

(Ansa) – La nuova offensiva della magistratura per le inchieste sul Calcioscommesse, con gli arresti e i vari provvedimenti cautelari odierni, allarga il ventaglio degli sportivi coinvolti e di conseguenza l’ambito di indagine della Procura federale di Palazzi.

A finire nel mirino della giustizia sportiva saranno di conseguenza anche le società, in primis Lazio, Genoa e Siena.

Le prime due, che potrebbero essere coinvolte per responsabilità oggettiva, hanno di fronte scenari foschi, anche se per ora del tutto ipotetici. Il club di Lotito, dopo quanto sarebbe avvenuto a fine campionato scorso nelle partite Lazio-Genoa e Lecce-Lazio, rischia penalizzazioni che significherebbero l’esclusione dalla Europa League o una partenza ad handicap nella prossima stagione.

La società rossoblù, salvatasi all’ultima giornata, potrebbe vedere vanificati gli sforzi per restare in serie A. Più complessa, e rischiosa, la situazione del Siena. Sono diverse le partite sospette che hanno coinvolto la società toscana e gli inquirenti ipotizzano il coinvolgimento diretto dei dirigenti bianconeri nelle combine. In questo caso, se fosse riconosciuta la responsabilità diretta, il club toscano finirebbe sicuramente in B, con ulteriore penalizzazione.

Tra le società di serie A, l’Udinese potrebbe essere chiamata in causa per sospetta combine di un incontro con il Bari della stagione 2009-2010, finita 3-3, vicenda per la quale sono indagati Leonardo Bonucci e vari altri giocatori che militavano nella squadra pugliese. Secondo le norme Uefa, una squadra penalizzata per illecito non può partecipare alle coppe europee. Anche il Chievo è inquieto dopo le perquisizioni nella case di Pellissier e Luciano.

Per quanto riguarda i singoli, le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Cremona nei confronti di Stefano Mauri (Lazio) e Omar Milanetto (Padova, ex Genoa), con l’accusa di aver agito per manipolare risultati di varie partite, mettono una pesante ipoteca sul loro futuro sportivo. Entrambi rischiano pesanti squalifiche, fino alla radiazione.

Anche gli indagati, tra i quali Criscito, Sculli, Kaladze e Bonucci – accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva – hanno di fronte lo spettro della squalifica. Spicca tra gli indagati il nome di Antonio Conte, quale ex tecnico del Siena. Conte potrebbe a sua volta essere squalificato per un lungo periodo e quindi teoricamente la Juve potrebbe essere costretta a cambiare allenatore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy