Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma, ufficiali i rinnovi di Zalewski, Bove e Darboe

Roma, ufficiali i rinnovi di Zalewski, Bove e Darboe

Ufficializzati i rinnovi di contratto di tre ragazzi giallorossi

Redazione

Tramite una nota ufficiale sul proprio sito, la Roma rende noto di aver ufficializzato il rinnovo del contratto per tre giovani calciatori entrati ormai in pianta stabile nella prima squadra gallorossa: Zalewski, Bove e Darboe. I primi due hanno firmato un contratto che li legherà a Roma fino al 30 giugno 2025, mentre il centrocampista ora impegnato in Coppa d'Africa, fino al 30 giugno 2026. “Il prolungamento di questi contratti è esemplificativo della politica adottata dal Club per i suoi giovani.La Società continuerà a scommettere sui suoi ragazzi, tutelandone il processo di crescita e trasmettendo loro la cultura del lavoro e il valore dell’umiltà. Mi auguro inoltre che questi rinnovi possano rappresentare uno stimolo per tutti coloro che dedicano le proprie energie al Settore Giovanile della Roma e che questo sia solo l’inizio di un percorso ricco di soddisfazioni”. Queste le parole di Tiago Pinto che conferma dunque la strategia giallorossa legata ai giovani. I tre ragazzi provenienti dal settore giovanile sono stati protagonisti di un viideo caricato dalla Roma sui propri canali social, dove tra di loro, condividono e ricordano i momenti più belli della loro ancora giovane carriera. Darboe ricorda con affetto Fonseca e la partita contro il Manchester United: "Fonseca mi aveva detto di essere pronto quindi un pò mi  aspettavo l'esordio. Era la partita contro la Sampdoria e lo sognavo fin da piccolo. Non mi aspettavo nemmeno tutta questa fiducia da parte del mister. Quando sono entrato contro il Manchester Pogba mi ha subito chiesto se fosse la mia prima partita e da lì abbiamo avuto uno scambio di battute". I ricordi di Edoardo Bove sono invece incentrati principalmente tra i sogni di lui bambino e l'arrivo di Mourinho: "E' come se ci fossi nato dentro la Roma. Non mi aspettavo di esordire contro il Crotone ma la partita si è messa bene. Ho fatto una delle corse più importanti della mia carriera per andare a scaldarmi dalla tribuna dell'Olimpico dove eravamo seduti. Mourinho ti mette un pò in soggezione perché lo hai sempre visto in tv e lo vedevi alzare trofei. Mi ha colpito tantissimo la sua umiltà nel porsi allo stesso modo con tutti, con noi come con Pellegrini e con i veterani e non è così scontato. Ci sta aiutando molto nella crescita anche dal punto di vista mentale. Devi allenarti bene ad ogni seduta perchè se cali un attimo di intensità, sei morto. Per me la Roma è, e sarà sempre casa". Zalewski dal canto suo porta nel cuore la partita di Manchester nel quale ha propiziato uno dei gol e le emozioni che si porta dietro da quando è bambino: "Anni fa eravamo noi ad aspettare la prima squadra per fare le foto, ora magari ci sono bambini che aspettano noi per farle. Del gol contro il Manchester ricordo solo Darboe che corre subito ad abbracciarmi. non avevo nemmeno esultato anche per come era andata la partita d'andata. I primi periodi con Mourinho eravamo un pò intimoriti ma ci ha trattato subito come giocatori della prima squadra e questo ci ha aiutato tantissimo. La Roma è quella cosa che se ti entra dentro da bambino ti rimane per tutta la vita".