Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Roma-Inter, Zaniolo multitasking: pronto al quarto cambio ruolo

Getty Images

Le assenze potrebbero costringere Mourinho ad abbandonare il 3-5-2 e ritornare al 4-2-3-1. Con Perez e Mkhitaryan rispettivamente esterno destro e trequartista, toccherà al 22 sostituire l'infortunato El Shaarawy

Valerio Salviani

Nell'emergenza aveva dovuto cambiare. E nell'emergenza potrebbe tornare indietro. Con la Roma decimata dalle assenze, Mourinho contro l'Inter è pronto a rispolverare il 4-2-3-1 su cui aveva puntato a inizio stagione. Anche se non sarà proprio quello originale. Senza lo squalificato Karsdorp, a destra ci sarà Ibanez, che lascerà il compito di spingere a Vina sulla corsia opposta. Ma la vera curiosità del match sarà sul ruolo diZaniolo. Con Perez che dovrebbe partire largo a destra e Mkhitaryan schierato trequartista, a Nicolò resterebbe libera solo la casella di esterno sinistro. In questo caso, sarebbe il quarto cambio ruolo stagionale per il numero 22.

Mourinho torna al 4-2-3-1: il ruolo di Zaniolo

Lo ha già fatto in passato e non sarà una vera e propria novità. Ma nel momento in cui stava provando a trovare la sua dimensione come seconda punta, Zaniolo sarà costretto a cambiare ancora, spostandosi sull'out di sinistra. In quel ruolo nel 4-2-3-1 si erano alternati finora Mkhitaryan e El Shaarawy. In qualche occasione lo ha fatto Shomurodov, ma domani l'ex Genoa servirà nel ruolo di prima punta, vista l'assenza di Abraham. Perez ha mostrato di poter giocare quasi esclusivamente a piede invertito (è mancino e quindi giocherà a destra). E Mkhitaryan è il trequartista designato in assenza di Pellegrini. Così, a meno di sorprese da parte dello Special One, toccherà a Nico "sacrificarsi". Sarà il suo quarto ruolo diverso in stagione. Ha fatto l'attaccante nel 3-5-2 e tutti e tre i ruoli della trequarti, mostrandosi più a suo agio quando ha giocato al centro.

Squadra obbligata, ma Mourinho può sorprendere: le alternative

In una situazione così emergenziale non sono da escludere sorprese. Mourinho potrebbe decidere di confermare il 3-5-2, mettendo Perez esterno a tutta fascia sulla destra e Vina sul lato opposto. Mentre se fosse invece confermato il ritorno al 4-2-3-1, le alternative sarebbero rappresentate dall'inserimento di Zalewski dal primo minuto, o da quello di Mayoral, che farebbe così scalare Shomurodov a sinistra e Zaniolo di nuovo a destra. Per scoprirlo, non resta che aspettare le 18 di domani.