Le passioni di Bruno Conti: “Amo il baseball quanto il calcio, due sport di inventiva”

Le passioni di Bruno Conti: “Amo il baseball quanto il calcio, due sport di inventiva”

L’ex bandiera della Roma: “Da piccolo d’inverno giocavo a baseball e d’estate a calcio. Poi quel campetto vicino casa…”

di Redazione, @forzaroma

Non tutti sanno che la seconda grande passione di Bruno Conti oltre il calcio è il baseball: Nettuno è definita la capitale d’Italia di questo sport e in occasione dell’European Champions Cup, la maggiore manifestazione continentale per club, con Parma e la padrona di casa Bologna a rappresentare l’Italia, l’ha raccontato a Il Paese Sera.

Calcio, ma anche baseball. Come è nata la passione per questo sport?
Vivendo a Nettuno non mi fermavo mai. D’inverno giocavo a baseball e d’estate a calcio. Era un discorso più legato alle stagioni. Ho iniziato con la società “Black Angels-S. Francesco”, poi mi si è presentata l’occasione con il club di Nettuno e, successivamente, con il fatto che c’era un campetto vicino casa, ho iniziato a giocare a calcio.

Perché ha smesso di correre per il “diamante” e si è lanciato nell’avventura di calciatore?
Ho smesso di giocare a baseball quando sono stato chiamato dalla Roma, feci un provino per la Primavera e mi presero. Prima, però, venne il Santa Monica in città e anche loro, dopo un test, mi volevano in squadra. I dirigenti erano disposti anche a portarmi in tournée in America, ma mio padre diceva che ero troppo piccolo e ho dovuto rifiutare.

Chi è nato a Nettuno per forza di cose ama il baseball, peccato però che la società non ha vinto molto in questi ultimi anni.
Sono cresciuto ai tempi della Simmenthal Nettuno con Bruno Laurenzi e Giorgio Costantini, quando si vinceva tutto. Ora è diverso, anche per un discorso economico. Spero che la nuova proprietà del Nettuno si ingrandisca e ottenga al più presto i risultati che tutti i tifosi si augurano e meritano.

Cosa potrebbe accomunare baseball e calcio?
È chiaro che giocando a baseball, grazie al mio grande maestro Alfredo Lauri che era un lanciatore come me (ride, ndr), l’ho visto sempre come uno sport di inventiva. Mi ha insegnato la palla lenta, la curva, il drop. Un po’ come la finta a rientrare nel calcio. Insomma ci vuole intelligenza ed inventiva in tutte e due gli sport.

È in corso l’European Champions Cup, la sta seguendo?
Non sto riuscendo a farlo perché siamo impegnati con l’USA Academy (l’Accademia di calcio giovanile dell’As Roma, ndr), ma non appena avrò un po’ di tempo la vedrò in differita. Non mi perdo mai un competizione di baseball.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy