Cessione Florenzi, Carboni: “Il Valencia è meglio della Roma”

Cessione Florenzi, Carboni: “Il Valencia è meglio della Roma”

L’ex giallorosso aggiunge: “È un bravo ragazzo e un giocatore eccellente, piacerà ai tifosi”

di Redazione, @forzaroma

L’ex capitano della Roma Amedeo Carboni ha rilasciato un’intervista a EldesMarque, dove ha avuto modo di parlare dell’imminente trasferimento di Alessandro Florenzi al Valencia, dichiarando anche come il club spagnolo sia migliore dei giallorossi. Queste le sue parole:

La storia di Florenzi assomiglia tanto alla sua?
Molte persone me lo dicono. È vero che l’arrivo di Florenzi mi ha ricordato cosa mi è successo ma ci sono delle differenze. Arriva in prestito secco (nessuna opzione di acquisto) e ha solo quattro mesi e mezzo per convincere il club. Giochi molto, devi essere al top fin dal primo giorno. Io sono arrivato in estate, con la preparazione, è un po ‘diverso. La Champions League è dietro l’angolo.

Quale raccomandazione gli  faresti?
Di essere se stesso. È un bravo ragazzo e un giocatore eccellente, piacerà ai tifosi. Dà tutto”.

Descrivici Florenzi.
È un calciatore conforme al gioco della squadra. Prima era un’ala poi è stato messo come terzino destro, ha fatto bene ed è rimasto lì. Per essere chiaro: è la stessa cosa che è accaduta a Angulo, Juan Bernat o Jordi Alba, che hanno giocato avanti prima di cambiare ruolo.

Quale messaggio manderesti a Florenzi?
Gioca con il cuore, come eri abituato a fare a Roma. I tifosi lì ti danno molto, c’è molta pressione e quindi dipende da te. Ecco perché ti consiglio di lasciarti andare, di sviluppare il tuo gioco. A Valencia non si arrabbiano se fallisci come succede in Italia, ma si arrabbiano se non ci provi.

Mi ha detto che è un bravo ragazzo. Gli hai parlato?
No, non direttamente con lui ma con i suoi amici e l’ambiente attorno.

Qualche ultimo messaggio per Florenzi allora?
Deve sapere che, sebbene Roma sia una delle capitali del mondo, per lui il Valencia è meglio dei giallorossi, è un salto di qualità. Non dimenticherà mai di essere romano ed esser stato capitano della Roma, ma a Valencia gioca la Champions League.

Carboni, in un’intervista anche ai microfoni di ReteSport, ha aggiunto: “Florenzi si troverà benissimo, ma dovrà aprire la mente e calarsi in fretta nel nuovo ambiente. Sono a Barcellona – sottolinea – ma vado spesso a Valencia. Se avrò occasione lo incontrerò molto volentieri. Consigli? Non mi permetto di dargliene, è difficile pure darne ai figli”.

Sulla fascia da capitano:

“Ultimamente i capitani della Roma non hanno un grande futuro nella loro città. Non so se è un caso o se c’è qualcosa di diverso, ma bisogna anche rispettare le scelte della società”

Sul Valencia:

“Certamente avrà dei vantaggi perché Roma è una città incredibile, ma a livello calcistico Valencia è qualcosa di più. Negli ultimi 20 anni hanno vinto molto. In questo senso per Florenzi la responsabilità è maggiore, anche perché arriva con una formula particolare, in prestito secco, perciò dovrà dimostrare di essere subito pronto.

Sulla Nazionale: 

“Lasciare Roma non è semplice, la città ti entra dentro, vale per tutti. In più lui è romano. Ma queste situazioni fanno bene, garantiscono nuovi stimoli. In estate c’è l’Europeo ed è comprensibile che il giocatore voglia mettersi alla prova con continuità. Il fattore umano non è trascurabile. A livello tecnico, però, la società non contava su di lui. Perciò è giusto che vada via, perché anche lui avrà l’ambizione di giocare l’Europeo. Noi da fuori sappiamo sempre un decimo della verità, magari è stato il giocatore stesso a chiedere di andare via. Un calciatore come lui non può stare in panchina per troppo tempo. Roma è una capitale del mondo, dovrebbe essere allo stesso livello del Real Madrid o del Manchester. Valencia dal punto di vista mediatico ha meno pressioni. Florenzi dovrà essere bravo ad aprire la testa, lì c’è meno pressione, maggiore spensieratezza. I primi giorni faticherà un po’, come me all’inizio. Se capirà in fretta qual è lo spirito della città e della squadra si troverà benissimo”

Su Perez e Villar

“Perez lo conosco bene, Villar invece no. non lo conosco. Il primo può rientrare benissimo nei piani di Fonseca, può avere un futuro importante”  CARBONI: “Florenzi? Valencia un passo avanti. La Roma meriterebbe di essere forte come Real e Manchester”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy