Emozione Totti: “Il giorno dell’addio meglio di scudetto e Mondiale”. Dalla Fifa no alla proroga dei contratti

L’ex capitano della Roma è tornato sul giro di campo e quel 28 maggio 2017: “Non ci sono e non ci saranno mai parole”. Gravina punta la ripresa del campionato, ma c’è il nodo scadenze e prestiti

di Francesco Iucca, @francescoiucca

Una Pasqua atipica nel mondo del calcio, l’emergenza coronavirus tiene sulle spine tutti e i calciatori hanno trascorso la domenica in compagnia – chi ha potuto – della famiglia. Da Pellegrini a Mancini, passando per Cristante e Perotti, in tanti hanno condiviso la loro giornata sui social. Stasera, invece, i tifosi giallorossi hanno potuto riabbracciare virtualmente Francesco Totti, ospite di Sky Sport in una chat con altri campioni del calcio italiano come Maldini, Zanetti e Del Piero. Tanti ricordi per l’ex capitano della Roma, come quello legato al giorno dell’addio al calcio: “Per me è stata una giornata particolare. Non avrei mai pensato che la gente arrivasse a questo punto, metto quella giornata davanti a scudetto e Mondiale. Non ci sono e non ci saranno mai parole”. Poi sul Pallone d’Oro: “Io avevo meno possibilità di Alex, Roma è una piazza particolare: non tutti gli anni abbiamo le possibilità di vincere scudetti e Coppe campioni. Però è un trofeo che avrei voluto, perché no. Poi io e Alex potremmo dire la nostra”.

Anche Del Piero ha raccontato alcuni aneddoti: “Eravamo avversari da battere e poi compagni in Nazionale. Col passare degli anni anche senza parlarsi ci si capiva di più, vivevamo contemporaneamente certe similitudini e questo in due ambienti diversi come la Roma e la Juve. Il calcio e il campo non si sono mai intromessi nella nostra amicizia, mai egoismi. Poi avremmo anche potuto coesistere in campo”.

RIPRESA – Intanto al centro del dibattito continua ad esserci il tema della ripresa del campionato. Ne è tornato a parlare anche Gabriele Gravina, presidente della Figc: “I campionati di calcio ricominceranno, avranno un loro inizio nel momento in cui ci sarà la garanzia di avere tutto in ordine per quanto riguarda la tutela della salute di atleti e addetti ai lavori. Mercoledì 15 abbiamo una riunione importante del comitato tecnico-scientifico. Inizieremo mi auguro entro fine mese. Sono previsti controlli per garantire la negatività di tutti i protagonisti, poi ci sarà la preparazione. L’auspicio è partire quanto prima. Se non fosse possibile ripartire in tutti gli stadi, troveremmo una soluzione alternativa. Scadenze? Al momento non ne abbiamo”. Intanto anche la Roma è pronta ad attuare le misure sanitarie e di igene per tornare ad allenarsi in sicurezza, dal gel igienizzante ai piatti usa e getta, con Nuno Romano che studia il programma di lavoro da seguire.

Intanto Cellino, presidente del Brescia, continua ad essere fortemente contrario al ritorno in campo: “Ribadisco che se si riprenderà a giocare io non schiererò il Brescia. Non è una provocazione: mi diano i punti di penalizzazione che vogliono, mi assumo tutte le responsabilità del caso. Sto vedendo troppo egoismo e troppe persone che cercano di approfittare di questa situazione. Lotito vuol tornare a giocare? Raglio d’asino non giunge in Paradiso, si dice”. Arriva poi anche la proposta del patron del Cagliari Giulini: “E’ importante a livello europeo cominciare a ragionare su un sistema di salary cap, in modo da permettere a tutti di competere. E sono totalmente contrario a un mercato lungo, deve durare poche settimane”.

LE ALTRE NEWS – Emilio Garcia Silvero, legale della FIFA, ha parlato anche della scadenza dei contratti al 30 giugno: La FIFA non può prorogare la scadenza oltre il 30 giugno. I giocatori potranno liberarsi, ma non potranno firmare per altri club, non aprendosi la finestra di mercato il 1 luglio. Per i prestiti, in teoria a fine giugno dovrebbe esserci il ritorno alle squadre di provenienza, ma non potrà avvenire l’iscrizione in lista fino all’apertura effettiva del mercato”. Infine le parole del ct Roberto Mancini: “Dispiace non giocare gli Europei, ma allo stesso tempo credo che per noi possa essere un piccolo vantaggio. Siamo una squadra giovane e avere un altro anno di esperienza per alcuni ragazzi può tornare utile. Penso che saremo tra le nazionali in grado di vincere!”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy