Shakhtar-Roma sarà a porte chiuse: niente tifosi allo stadio Olimpico di Kiev

Cambio di rotta sulla presenza degli ucraini nel ritorno di Europa League

di Redazione, @forzaroma

Shakhtar-Roma sarà a porte chiuse. Incredibile ma vero, visto che fino a poche ore fa il club vendeva i biglietti per il ritorno degli ottavi di Europa League. La presenza dei tifosi allo stadio in Ucraina era già diventata un caso, con il sindaco Klitschko che si era detto molto preoccupato per l’apertura al pubblico e aveva chiesto al governo di rendere più stringenti le restrizioni. Alla fine le autorità locali hanno scelto per l’assenza totale di pubblico, dopo che lo Shakhtar aveva già ridotto la capienza dell’Olimpiyskiy da 22mila a 14mila posti.

Tra gli spettatori ci sarebbe stata anche una rappresentanza di romanisti, il “Fronte Ucraino”, che aveva acquistato i biglietti per il settore 26 dello stadio. Ora, come prevedibile, tutti i tifosi verranno rimborsati.

Ecco il comunicato ufficiale dello Shakhtar:

“La gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League Shakhtar-Roma a Kiev si svolgerà senza spettatori. La decisione è stata presa dalla Commissione per la sicurezza ambientale e delle emergenze del consiglio comunale di Kiev dopo aver analizzato la situazione coronavirus, il peggioramento della situazione epidemica e un aumento del numero di malati da Covid-19. Il verbale della riunione della commissione del 17 marzo ha indicato la decisione “di negare l’accesso agli spettatori durante le partite di calcio, anche internazionali, fino a quando non si sarà stabilizzata la situazione epidemica nella città di Kiev”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy