Zaniolo sul futuro in Premier: “Non sarebbe da me, bacerò la maglia della Roma a ogni gol”

Zaniolo sul futuro in Premier: “Non sarebbe da me, bacerò la maglia della Roma a ogni gol”

Il giallorosso aggiunge: “Vorrei che i tifosi giallorossi sapessero quanto li amo e quanto apprezzo quando urlano il mio nome”

di Redazione, @forzaroma

Nicolò Zaniolo sta con ogni probabilità attraversando il suo miglior momento di forma. Rientrato dalla sosta per le Nazionali con una doppietta all’Armenia ora la testa è alla Roma. Intanto rilascia una lunga intervista al Daily Mail dove inizia parlando del giocatore preferito in Premier League: “Rashford e De Bruyne sicuramente”. Poi sulle possibilità di trasferirsi in Inghilterra: “Sarebbe facile dire ‘Sì, perché no’, ma non sarebbe da me. Dico la verità, recentemente ho baciato la maglia della Roma e voglio farlo ogni volta che segnerò”.

Prosegue parlando della Roma: “Non ho tempo di andare in giro per la città, la mia routine è allenamento, casa e partite. Quando ho del tempo libero sto con la mia famiglia e con la mia ragazza. Vorrei che i tifosi della Roma sapessero quanto li amo e quanto apprezzo quando urlano il mio nome. E’ una cosa che mi esalta“. Zaniolo si sofferma anche sul paragone con Totti: “Lui è un’icona, è difficile da spiegare quanto sia importante per la Roma e per l’intera città. Il paragone con lui è una motivazione in più per dare il massimo ogni giorno”.

Tutte le radiocronache dalla Roma in esclusiva sono su Nsl Radio Tv, 90.0 FM. Il commento è affidato alla voce leggendaria di Carlo Zampa. Impossibile mancare – Contenuto sponsorizzato

Infine una battuta sul suo passato e le bocciature, come quella ai tempi della Fiorentina: “Può capitare spesso nel corso della carriera di essere sottovalutato, preferisco questa parola piuttosto che ‘rifiutato’ e non ho alcun sentimento di vendetta. Il primo club con cui ho giocato è stato la Virtus Entella, sono cambiate tante cose ma ho ancora bellissimi ricordi, non dimenticherò mai le mie origini e il luogo dove sono cresciuto”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cavolate - 3 settimane fa

    C’è un grande, grandissimo calciatore che ha vinto praticamente tutto eppure gli si addebita il fatto di non aver mai abbandonato la sua “comfort zone” e di non aver mai vinto nulla fuori da lì: si chiama Messi e gioca ed ha giocato solo nel Barcellona. Un altro grande del calcioha fatto la stessa cosa pur vincendo molto meno di Messi, si chiama Totti ed ha giocato solo nella Roma, e si dice che per restare alla Roma abbia rinunciato a vincere: forse non è vero ma manca la controprova. O forse per entrambi è solo timore di non riuscire a fare altrove le stesse cose che hanno fatto nel loro club di origine. Spero che Zaniolo resti a Roma per molti anni e vinca molto nel suo club però reputo sbagliato escludere in partenza la possibilità di andare a mettersi alla prova in un altro contesto di altissimo livello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy