Roma-Lazio, Manolas recuperato: “Noi più forti”. DiFra lancia Santon e Florenzi

Roma-Lazio, Manolas recuperato: “Noi più forti”. DiFra lancia Santon e Florenzi

Alla vigilia del derby il greco in campo nella rifinitura, Under verso la panchina. Il tecnico giallorosso: “Non siamo ancora competitivi per lo scudetto”. Lazio, out Radu. La Primavera supera il Chievo di misura

di Francesco Iucca, @francescoiucca

È vigilia di derby. Domani alle 15 Roma e Lazio scenderanno in campo per la prima stracittadina stagionale, fondamentale in casa giallorossa per diversi motivi. “È una partita a sé, ma è importante per ridare entusiasmo a questo ambiente e trovare continuità di risultati”, spiega Eusebio Di Francesco nella consueta conferenza stampa a Trigoria. Il tecnico giallorosso ha parlato anche di singoli: Manolas è da valutare, tra oggi e domani deciderò. De Rossi giocherà, non è un problema fare 4-5 partite di fila per lui. Al capitano e a Nzonzi chiederò anche di inserirsi di più. El Shaarawy si sta prendendo più responsabilità, ma non deve smettere mai. Il 4-2-3-1 può essere punto di partenza, ma il sistema di gioco non è scontato e magari domani ci sarà qualche sorpresa. L’allenatore romanista continua: “Attualmente non siamo competitivi per lo scudetto e lo abbiamo dimostrato, ma credo nella crescita della squadra. Questo derby è importante non per il mio futuro, ma per quello della Roma. Mi ha fatto piacere il sostegno dei tifosi, che c’è stato sempre, anche nei miei confronti: questo è il romanismo. Ma mi interessa più che vengano applauditi i calciatori. Sta a noi trascinare la nostra gente”.

I PROTAGONISTI – A poche ore dal derby arrivano anche le parole di Kostas Manolas, sempre più perno della difesa romanista: Importantissimo essere tornati alla vittoria perché eravamo in un momento delicato, deve ridarci fiducia. Il ritiro? Secondo me può servire a far gruppo, ma può fare anche male. A noi ha fatto bene ma spero non si ripeterà, perché significa che stiamo vincendo. Al derby devi entrare con cattiveria e dare tutto in campo perché sappiamo quanto sia importante per i tifosi. Sappiamo come gioca la Lazio, ma noi siamo più forti. Dobbiamo dare tutto per la maglia”. Gli fa eco Robin Olsen: “Il ritiro prima del Frosinone ci ha fatto bene, ma adesso concentriamoci sulla Lazio. Si tratta di una partita estremamente importante per noi, potrebbe darci una spinta importante per il futuro. Ad inizio stagione avevamo obiettivi importanti, adesso faremo di tutto per mantenerli”.

VERSO IL DERBY – Nel pomeriggio i giallorossi sono scesi in campo per l’allenamento di rifinitura, tra sala video e focus tattico. Lavoro individuale per Diego Perotti, che sarà out contro la Lazio, mentre Manolas ha svolto la seduta con il gruppo e ha dato quindi segnali positivi a Di Francesco. Il greco, inserito nella lista dei convocati del mister, aveva accusato un problema al flessore durante il match col Frosinone, ma dovrebbe giocare da titolare il derby pur stringendo i denti. Contro la squadra di Inzaghi potrebbe rivedersi il 4-2-3-1 con Dzeko che torna titolare in attacco, Pastore trequartista e la coppia De Rossi-Nzonzi a centrocampo. La novità sta nella probabile conferma di Davide Santon come terzino destro: una scelta che porterebbe dunque Florenzi a giocare sulla linea degli attaccanti, con Under che dovrebbe iniziare in panchina. Questa notte, inoltre, la squadra dormirà nel centro sportivo di Trigoria. Per la partita dell’Olimpico è stato designato Gianluca Rocchi di Firenze: nei derby con lui la Roma ha uno score positivo di 4 vittorie e 1 ko. La Questura, intanto, è pronta a impiegare circa duemila agenti tra poliziotti, carabinieri, finanzieri e vigili, schierati nella zona dello stadio. Previsti circa 45mila spettatori.

QUI LAZIO – In casa biancoceleste anche Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa: “Sappiamo che il derby è una partita a sé. Roma in difficoltà? Siamo solo all’inizio, può essere solo un momento, verranno per fare una grande partita, i punti di distacco ora non valgono niente. Noi stiamo accumulando certezze, ma non dobbiamo fermarci. Siamo pronti per qualsiasi modulo che Di Francesco sceglierà, ma la differenza la farà la fame“. Dal campo non arrivano buone notizie per la Lazio: Stefan Radu, infatti, non si è allenato nella rifinitura e potrebbe non giocare il derby. Inzaghi deciderà solo domani se rischiarlo.

QUESTIONE DI 10 – Nel Colosseo riecheggia ancora l’eco della presentazione in pompa magna della biografia di Francesco Totti, scritta con Paolo Condò. “Serata indimenticabile”, ha scritto sui social la leggenda giallorossa. Intanto preferisce glissare ancora Luciano Spalletti, nuovamente interrogato sull’estratto del libro che riportava i retroscena del rapporto e i dialoghi con l’allora capitano romanista: “Capisco la curiosità nel sapere se quello che c’è scritto è vero. Questo non è il luogo adatto per parlarne, bisogna rispondere ai nostri tifosi dell’Inter e qui non c’è Totti. Poi il libro lo leggerò e vedremo”. Al centro dei discorsi c’è sempre lui, il numero 10. Dieci, come le candeline spente quest’oggi da Forzaroma.info: dieci anni con la stessa passione, dedizione e voglia di raccontare i giallorossi con impegno e la massima qualità. Dieci anni in cui vi abbiamo raccontato gioie e dolori, dallo scudetto sfiorato all’ultimo giorno da calciatore di Francesco Totti.

PRIMAVERA – Dopo la roboante vittoria con il Milan, i ragazzi di Alberto De Rossi trovano altri tre punti molto importanti. La Roma supera in casa il Chievo di misura: a decidere è la rete di D’Orazio al 71′. A fine gara il commento del tecnico giallorosso: “Complimenti ai ragazzi, hanno fatto una partita di sofferenza e di solidità difensiva. Si sono sacrificati tutti, possiamo crescere tantissimo ma ai ragazzi serve vincere“. A fargli eco anche l’autore del gol vittoria: “Dovevamo dare un segnale alle altre squadre dopo la sconfitta di Sassuolo. Dobbiamo chiudere questo filotto di partite nella maniera migliore”.

LE ALTRE NEWS – Intanto arrivano anche le scorie della partita contro il Frosinone di mercoledì sera: per la Roma il Giudice Sportivo ha deciso una multa di 3000 euro per l’accensione di quattro fumogeni da parte dei suoi tifosi. Un sostenitore romanista, invece, è stato individuato attraverso le telecamere e in seguito arrestato per aver spintonato una donna, rimasta quindi contusa, sulle scale all’interno dello stadio. In casa Real Madrid tegola per Lopetegui: dopo Isco anche Marcelo sarà out per i prossimi giorni a causa di una lesione al soleo. Il brasiliano dovrebbe comunque recuperare per il match di ritorno contro la Roma. Infine per Aleksandar Kolarov è arrivata la convocazione con la Serbia per le partite di Nations League contro Montenegro e Romania.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy