Roma, gerarchie chiare: Mirante è il titolare. Obiettivo rinnovo: si farà, ma non subito

Fonseca: “Domani giocherà Antonio”. Il contratto scade il prossimo anno, a gennaio può accordarsi con un altro club

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Cinque su cinque. Antonio Mirante partirà titolare anche nel big match con il Milan. Se qualcuno avesse ancora dei dubbi, ci ha pensato Fonseca a chiarirli. “Domani giocherà Antonio. Valuterò chi schierare partita dopo partita” ha detto il tecnico in conferenza stampa. Il portoghese non stabilisce definitivamente le gerarchie di questa stagione, ma per il momento ci sono pochi dubbi. In campionato tocca a Mirante, le partite di coppa le giocherà Pau Lopez, arrivato solo un anno fa come portiere più costoso della storia della Roma e adesso diventato riserva di lusso.

Mirante e il rinnovo: l’accordo ci sarà, ma serve tempo

 

Non solo Fonseca. La Roma tutta, Friedkin compresi, ha grande considerazione di Mirante. Il portiere ha fatto il secondo con dignità per una stagione e mezza, rispondendo sempre presente quando veniva chiamato in causa. Ora è il titolare. Un punto fermo, che la società ha intenzione di tenere anche al termine di questa stagione, che da contratto dovrebbe essere l’ultima. L’accordo tra il numero uno e i giallorossi scade nel 2021 e a gennaio Antonio potrebbe accordarsi con un altro club. Al momento, nessuna discussione per il rinnovo è ancora cominciata. La volontà di entrambe le parti è quella di proseguire insieme e i buoni rapporti tra il club e l’entourage del giocatore (il suo agente è Giuffrida) lasciano presagire che per il prolungamento sia solo questione di tempo. L’idea di base è allungare l’accordo di una stagione, con opzione per una seconda. Mirante a Roma è felice e chiudere in giallorosso con il calcio giocato potrebbe rappresentare il finale perfetto per una carriera da vero numero uno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy