Roma agli ottavi di Champions, ma addio al primo posto. Il Real vince 2 a 0 – FOTO

Roma agli ottavi di Champions, ma addio al primo posto. Il Real vince 2 a 0 – FOTO

La solita Roma prima da applausi, poi da fischi. Buon primo tempo ma con troppi errori sotto porta. Poi il black out generale, con Olsen ad evitare la goleada. Roma qualificata agli ottavi grazie al Plzen

di Jacopo Aliprandi, @JacopoAliprandi

Le lacrime di Totti, uno stadio pieno e la qualificazione matematica alla fase finale della Champions League. Poi come al solito una Roma Dr Jekyll e Mr Hyde. Il match contro il Real Madrid è una semi festa cominciata un’ora prima del fischio d’inizio del match. L’ingresso nella Hall of Fame di Francesco Totti e le sue lacrime che hanno riportato i sessantamila dell’Olimpico a quello straziante 28 maggio 2017. A rendere il pre gara ancora più dolce, la qualificazione automatica agli ottavi di finale grazie alla vittoria del Viktoria Plzen sul campo del Cska Mosca, partita giocata alle 19. Roma-Real Madrid è diventata decisiva solo per la lotta al primo posto nel girone. E lotta è stata per 45 minuti, con la solita Roma sprecona, poco cinica e ancora debole nei momenti chiave della gara. Il 2 a 0 del Real è tutta opera giallorossa.

BELLA ROMA, BRUTTO UNDER – Ed ecco di nuovo comparire la bella Roma, quella completamente diversa dalla sciapa ‘rometta’ di campionato. Primo tempo dominato dalla formazione di Di Francesco che ha dovuto fare a meno di Dzeko – in tribuna – e Di El Shaarawy dopo solamente venti minuti. Real Madrid preso a ‘pallate’ dalla Roma di coppa. Almeno tre occasioni nitide per passare in vantaggio, sventate da Courtois e dai difensori immolati davanti alla linea di porta. Poi l’incredibile: Under a mezzo metro dalla porta, in corsa, ha sparato alto un bel pallone messo in mezzo da Zaniolo. Olimpico ammutolito, quasi sotto schock.

ROMA AUTOLESIONISTA – Il primo tempo quasi perfetto viene oscurato dall’inizio della ripresa con lo sciagurato errore difensivo, l’ennesimo della stagione, che ha regalato il vantaggio al Real Madrid. Rinvio impreciso di Olsen, poi il retropassaggio di Fazio, anzi, l’assist vincente dell’argentino a Bale che con estrema facilità ha segnato da due metri. Un’occasione, prima si percepire la batosta subita, l’auto-danno che ha spianato la strada ai blancos. Perché dieci minuti dopo è arrivato il raddoppio della squadra di Santiago Solari, ancora una volta con gli errori dei giallorossi. Under – tra i peggiori – ha aperto le porte alla ripartenza Real, poi la torre di Benzema per un liberissimo Vazquez che a mezzo metro dalla porta ha siglato il due a zero.

DAGLI APPLAUSI AI FISCHI – I tanti applausi del primo tempo in meno di venti minuti si sono tramutati in fischi da parte dell’Olimpico, per una Roma in totale confusione e in balia dei campioni d’Europa. Olsen ha evitato la goleada, la Roma non ha evitato un passivo scioccante per come è arrivato. Fischi per Nzonzi al momento della sostituzione, Schick ancora una volta impalpabile, e Under nel suo peggior momento da quando gioca nella Roma. Squadra propositiva, ma poco equilibrata: i tanti errori hanno permesso al Real di alzare il baricentro e di punire i giallorossi con le loro fatali ripartenze. Addio alle speranze per il primo posto nel girone. Si ferma l’imbattibilità della squadra giallorossa all’Olimpico che durava dal 23 agosto del 2016, dal ko contro il Porto. Per la Roma questo diventa un momento decisivo: presa coscienza della qualificazione agli ottavi, adesso deve capire cosa vuole fare da grande. “Tirate fuori le palle”, canta la Sud. L’Inter sarà la partita decisiva per il futuro della Roma e, forse, di Di Francesco.

Cronaca live a cura di Valerio Salviani

TABELLINO

Roma-Real Madrid 0-2
Marcatori
: 47′ Bale, 59′ Vazquez

Roma (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Cristante, Nzonzi (64′ Coric); Under, Zaniolo (69′ Karsdorp), El Shaarawy (22′ Kluivert); Schick.
A disp.: Mirante, Juan Jesus, Marcano, Santon.
All.: Eusebio Di Francesco.

Real Madrid (4-3-1-2): Courtois; Carvajal, Sergio Ramos, Varane, Marcelo; Modric (81′ Valverde), Kroos, Llorente; Lucas Vazquez; Bale (84′ Asensio), Benzema (77′ Mariano).
A disp.: Casilla, Sanchez, Ceballos, Lucas Vazquez.
All.:
 Santiago Solari.

Arbitro: Turpin.
Assistenti: Danos – Gringore.
Addizionali: Buquet – Rainville
IV Uomo: Zakrani.

NOTE Ammoniti: 42′ Zaniolo, 21′ Modric Spettatori: 59.124

 CRONACA PRE PARTITA

Ore 20.30 – Entra in campo anche il Real Madrid.

Ore 20.27 – La Roma entra in campo per il riscaldamento.

Ore 20.15 – In campo i portieri della Roma.

Ore 20.00 – Francesco Totti entra nella Hall of Fame: inizia la cerimonia per la bandiera giallorossa. (Segui la cerimonia)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy