‘RADIO PENSIERI’, CARINA: “Garcia vuole Dzeko, Sabatini preferisce Bacca”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionistiad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

 
JACOPO SAVELLI (Rete Sport): “La Roma non starà a guardare, Sabatini ci tenderà qualche trappola. Se circolano sempre gli stessi nomi vuol dire che lui ha già virato altrove. Spero che la sua strategia sia comunque cambiata, non so quanto farebbe bene spendendo soldi e frazionandoli. Bisogna puntare solo su un grande colpo”.

STEFANO CARINA (Radio Radio) : “Da quello che so Sabatini preferisce Bacca, è una trattativa che va avanti da 7 mesi ed eventualmente andava chiusa prima. L’allenatore, avendo capito che si farà un investimento per il centravanti, ha espresso delle preferenze e preferisce Dzeko”

 

CARLO ZAMPA (Rete Sport): “La prima maglia da titolare a centrocampo la do a Strootman, quando ovviamente sarà tornato al 100%. Sul mercato va trovato un giocatore alla Strootman in ogni parte del campo. Cole è stato un fallimento. Si pensava di ripetere l’esperienza Maicon, ma poi neanche Garcia ha più avuto fiducia nel giocatore. Mi aspetto qualcosa di più rispetto a Bacca”.

 

MIMMO FERRETTI (Teleradiostereo): “Il mercato è tutto così scoperto che mi fido poco. Sabatini ha sempre lavorato nella massima riservatezza, possibile che ora sappiamo tutti i suoi affari? O non è più buono oppure non sono quelli. Se il compito della Primavera della Roma è forviare i ragazzi per portarli poi in prima squadra, allora non si sta facendo buon lavoro. Occorrerebbe rivedere gli investimenti su certi giocatori stranieri. A Roma ci sono tantissimi talenti, occorrerebbe guardare i prodotti di casa nostra. Tumminello è un ragazzo degli allievi che ha dimostrato di avere qualità, va seguito con attenzione ma senza andare di corsa. Se la Roma deve prendere Bacca a trenta milioni, allora facciamo trentuno e con qualche milione in più prendiamo un centravanti che dia più garanzie. Se è vero che Sabatini sta facendo di tutto per prendere il colombiano, allora ci dobbiamo fidare. Il d.s non ha mai speso tutti insieme trenta milioni per un giocatore e, qualora li spendesse per Bacca, vorrebbe dire che per lui è un giocatore molto, molto forte”.

 

PAOLO FRANCI (Retesport): “Trenta milioni per Bacca non li spenderei, sono troppi. L’attrattiva e la qualità del campionato italiano per i giocatori stranieri è crollata. Lo stesso Bacca, se arrivassero offerte da Premier e Liga, non so se accetterebbe la Roma. A oggi, sapendo che le risorse della Roma sono limitate, tra Dzeko e Bacca io prendo il primo, perché dà più garanzie. Iago Falque, per il rapporto qualità prezzo, sarebbe un affare interessante. Credo che lo spagnolo sia un giocatore adatto al gioco di Garcia, e potrebbe anche giocare titolare”.

 

GIANLUCA PIACENTINI (Teleradiostereo): “Un acquisto come quello di Dzeko non si può certo ultimare in poche settimane. Tra Ingaggio e cartellino è una spesa di 50 milioni, che va studiata e ragionata. Vedere Mandzukic alla Juventus è un brutto colpo, il giocatore è forte ed è costato solo 18 milioni. Perchè non l’ha preso la Roma?”.

LUCA VALDISERRI (Retesport): “La sostanziale differenza tra Roma e Juventus è che i bianconeri hanno già fatto gran parte della campagna acquisti. Dybala, Khedira e Mandzukic, mentre la Roma ha ancora il nodo Nainggolan e gli stessi problemi della passata stagione. A questa squadra servono tre acquisti di qualità per migliorare ulteriormente”.

 

DANILO SALATINO (Teleradiostereo): “Salah sarebbe l’ideale sostituto di Gervinho. Garcia ne sarebbe contento, l’egiziano e l’ivoriano per caratteristiche si assomigliano molto. L’unico punto interrogativo sarebbe la presenza di troppi mancini in squadra. Non so come Salah verrebbe accolto a Roma. Quando ne se parlava a gennaio si diceva fosse scarso, poi ha fatto bene alla Fiorentina. La Roma ha bisogno di prendere un attaccante esterno che faccia gol”.

 

UGO TRANI (Retesport): “Non saprei neanche come reagire se Nainggolan non rimanesse alla Roma. Qui bisogna pagare e basta, discutendone a parte e non insieme a trattative con Astori e Ibarbo. Bacca? Il Siviglia vuole cederlo con la clausola rescissoria di 30 milioni. L’unico modo di abbassare la cifra è una pressione del giocatore sul club, ma Bacca non penso stia premendo tanto visto che sta giocando la Coppa America. Garcia tra Bacca e Dzeko preferirebbe il secondo Contatti con l’entourage del bosniaco ce ne sono stati, ma il problema è inverso rispetto al colombiano: cartellino basso, ingaggio alto. La scelta la farà il prezzo. Chi prenderei tra Bacca e Dzeko? Higuain, in alternativa Dzeko”

 

FRANCESCA FERRAZZA (Retesport): “Penso che Garcia sia preoccupatissimo della partenza di Gervinho, che era un giocatore fondamentale per il gioco della Roma. Vuole sì un attaccante, ma soprattutto un nuovo esterno che gli permetta corsa e gol. Juventus più debole? Io ci andrei cauta nel dire queste cose”.

 

AUGUSTO CIARDI (Teleradiostereo): “Dopo la bella stagione vissuta da Bacca con il Siviglia, nella quale ha segnato tanti gol e ha contribuito a vincere l’Euopa League, il problema non è trovare l’accordo con il giocatore, che al momento guadagna la metà di quello che gli offrirebbe la Roma, ma trovare l’accordo con il club spagnolo che cercherà in tutti i modi di vendere il giocatore a una cifra vicina a quella della clausola rescissoria. Il rinnovo di Keita? Ci sta, ma non mi crea entusiasmo”.

DARIO BERSANI (Teleradiostereo): “Bacca a qualcuno può non convincere, ma comunque resta un attaccante fortissimo. Sembrava strano che la Roma avesse già raggiunto l’accordo con il Siviglia. Il club spagnolo farà sudare le pretendenti del colombiano. Speriamo che Sabatini riesca a tenere le carte coperte fino all’ultimo, per evitare la concorrenza altrui e il rialzo dei prezzi, e che si stia impegnando per regalare un grande attaccante alla Roma” 

 

DAVID ROSSI (Roma Radio): “La Roma è campione d’Italia nella categoria Allievi. Allenatore, staff e ragazzi hanno fatto un grandissimo lavoro. Ieri la finale contro l’Empoli è stata da cardiopalma”.

 

ALESSANDRO PAGLIA (Roma Radio): “La Juventus si sta rinforzando nei nomi che entrano, ma sono quasi tutti un punto interrogativo. Khedira ha giocato poco ni due anni, Dybala è un prospetto di grandissimo giocatore, ma è quello che era l’anno scorso Iturbe, ovviamente pagato il doppio. Mandzukic non è un punto interrogativo perché è un grande giocatore, ma è difficile sostituire Tevez. Speriamo che la Roma riesca a indovinare gli acquisti come ha fatto la Juventus gli anni scorsi. Salah? All’inizio non pensavo fosse u giocatore eccezionale, ma mi ha fatto ricredere durante la stagione. E’ una scheggia impazzita come era Gervinho nel primo anno di Garcia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy