‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Mi preoccupa l’assenza di Smalling. La Roma deve fare di tutto per tenerlo”

‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “Mi preoccupa l’assenza di Smalling. La Roma deve fare di tutto per tenerlo”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Max Leggeri (Centro Suono Sport – 101,5): “Se la Roma dovesse comprare Petagna, farebbe un passo indietro di 20 anni. Mi oppongo da tifoso ad un’ipotesi del genere, è un rotolo di coppa non un calciatore! Leggo “Suggestione Petagna” ma come è possibile? Spero vivamente che Petrachi punti ad altri obiettivi, non credo che questa squadra si possa migliorare con un attaccante come l’ex atalantino, che sta bene alla Spal prossima alla retrocessione“.

Checco Oddo Casano (Centro Suono Sport – 101,5): “La Roma ha decisamente bisogno di un’altra punta, capace di segnare almeno una decina di gol nella seconda parte di stagione. Con il solo Dzeko, che da due anni a questa parte ha ridotto notevolmente il suo apporto in termini di gol, questa squadra difficilmente raggiungerà gli obiettivi prefissati ad inizio stagione. Petagna? E’ un buonissimo attaccante, ha fisico, fa gol e un calciatore che lavora molto per la squadra. C’è sicuramente di meglio, punterei ad esempio ad uno come Jovic, in uscita dal Real Madrid in prestito, ma in alternativa all’attuale Kalinic andrebbe bene anche l’attaccante della Spal“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Sono convinto che la Roma farà una grande partita venerdì e non deluderà. Dopo il 7 a 1 incassato in Coppa lo scorso anno vorrà vendicarsi. Aggiungo però che probabilmente non giocherà Smalling, anche perché ancora non si è allenato con la squadra. I calciatori non devono sentirsi in vacanza, nonostante l’ottimo ruolino di marcia. Per questo Fonseca ha programmato un allenamento il primo gennaio, soprattutto perché sarà aperto al pubblico“.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Credo che la partita con la Fiorentina possa essere una trappola per la Roma di Fonseca. Al di là del parziale finale, la Fiorentina con l’Inter ha meritato e potrà mettere in difficoltà i giallorossi“.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma si siederà a tavolino con il Manchester solo nel 2020. Non sarà facilissimo tenere Smalling. Zero interesse per Kean, Calhanoglu e Petagna. Inoltre ci sono novità su Florenzi: dopo avere avuto un diverbio con l’allenatore, ha avuto un colloquio con lui. Se realmente verrà preso in considerazione rimarrà. Altrimenti ci sono due allenatori che stanno pressando fortemente Florenzi, Ranieri e Montella, quindi Fiorentina e Sampdoria, dove sarebbe titolarissimo. Sul fronte societario posso dire che non c’è mai stata vicinanza sull’accordo. C’è una distanza abissale“.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Fiorentina è stata molto fortunata con l’Inter. Prima o poi i giallorossi dovranno uscire da questo limbo, perché è difficile definire le potenzialità della squadra, soprattutto a causa dei continui infortuni“.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Sarà una partita da vincere per la Roma, anche per distanziare le inseguitrici. All’orizzonte poi c’è la Juventus e con le difficoltà che ha la squadra non sarà semplice. Mi preoccupa l’assenza di Smalling. Faccio un appello per il futuro: fate di tutto per tenerlo!“.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “Castrovilli è un buon giocatore. Certo, non sarebbe un messaggio ottimo che Commisso darebbe ai suoi tifosi: venderebbe il gioiello della sua squadra è un segno di debolezza. Su questo poi possiamo aprire un capitolo: non è detto che uno che ha i soldi, come Commisso, perché Commisso ce li ha, voglia investirli tutti in una squadra di calcio. Petagna? Puntiamo giocatori solo perché integri fisicamente, quindi cosa vi devo dire…a me sono nomi che mettono tristezza”.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “Su Castrovilli ho trovato più di una conferma oggi, vedremo cosa succederà. Petagna piace, ora c’è un’apertura anche dal presidente della Spal. Su di lui ci sono due squadre: la Roma e l’Inter. Fonseca vuole dei giocatori sani, visto che in estate gli hanno portato Kalinic. Petagna e Pinamonti sono due nomi fattibili, soprattutto visto i costi“.

Carlo Zampa (NSL Radio Tv 90.0): “Troppe volte abbiamo visto la Roma cambiare, stravolta, fatta anche senza le indicazioni giuste da parte del tecnico. Speriamo sia la volta buona questa, ma lo vedremo a giugno prossimo. Però a prescindere bisogna continuare a fare bene anche in questa stagione. Secondo me venerdì gioca Smalling, visto anche che c’è la pausa. Anche Kluivert potrà fare bene con la Fiorentina, anche se non è al 100%. Io non credevo all’esclusione di Spinazzola contro la Spal, è rimasto molto deluso Fonseca dalla prestazione con il Wolfsberger, ma credo che giocherà lui con la Fiorentina a destra. Sarebbe triste che fossimo noi a decidere il futuro di Montella, ma a noi serve vincere per chiudere bene l’anno e vedere poi cosa accadrà a gennaio”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.): “Siamo entrati una fase decisiva: l’offerta informale è stata fatta da Friedkin. Pallotta per ora dice che quella cifra non gli va bene, mentre a Friedkin non va bene la cifra richiesta dal presidente giallorosso. La differenza è sulla base di decine di milioni di euro. Non ho elementi per dire se si chiuderà o no. Una delle principali variabili è chiaramente lo stadio”.

Roberto Infascelli (NSL Radio Tv 90.0): “Per come difende, per la Roma è sempre meglio avere un punto di riferimento da marcare come è stato con Smalling e Lukaku. Va più in difficoltà quando viene attaccata negli spazi, magari in contropiede”.

Riccardo Trevisani (NSL Radio Tv 90.0): “Fonseca era partito un po’ ‘naif’, invece la Serie A non te lo permette. Fonseca lo ha capito subito, in tempo di record, arrivando a modificarsi molto e capendo che in questo campionato devi essere soprattutto equilibrato, anche se si può giocare comunque bene. Lui ha trovato equilibrio con intelligenza e senza giocatori. Senza difensori e centrocampisti, Dzeko e Kalinic infortunati. La Roma non ne ha avuto uno buono dall’inizio dell’anno tra infortuni e acciacchi vari. Fonseca ha sfatto un lavoro eccezionale sulle seconde linee prima ancora che sui titolari. Lui ha cambiato già dalle amichevoli, in estate il titolare era Spinazzola a sinistra, poi ha visto che Kolarov ha il mancino più bello nella storia dei terzini e non lo leva più. Secondo me comunque non vedremo mai la Roma come lo Shakhtar”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino 104.5): “Sarebbe una bellissima notizia per la Roma l’eventuale rientro di Smalling. Sarebbe strano anche se rigiocasse Florenzi dall’inizio, Fonseca non è uno con il prosciutto sugli occhi, probabilmente vede che ora Florenzi va meglio. Non capisco perché non faccia riposare Kolarov, l’ho visto cotto con la Spal. Forse è perché ora ci sono le ferie…”

Franco Melli (Radio Radio Mattino 104.5): “La Roma deve fare una buona partita con la Fiorentina, non deve fare il primo tempo che ha fatto con la Spal. E’ favorita, anche se la Fioretina ha preso tante vitamine psicologiche con il pari con l’Inter, sarà una squadra motivata e migliore rispetto al solito”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino 104.5): “Se gioca Smalling la Roma diventa più che leggermente favorita. Cambia molto, sposta tanto il fatto che sia presente lui e non Fazio”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino 104.5): “Il pericolo dalla Fiorentina non è Boateng, poi non so se Montella rischierà Vlahovic. Per la Fiorentina è importante che torni il miglior Chiesa, lì cambierebbe la musica. Se Chiesa è quello degli ultimi tempi…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy