‘RADIO PENSIERI’, DOTTO: “Kluivert crack assoluto. Florenzi? È cambiato il suo rapporto con i compagni”

‘RADIO PENSIERI’, DOTTO: “Kluivert crack assoluto. Florenzi? È cambiato il suo rapporto con i compagni”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Giancarlo Dotto (Teleradiostereo 92.7): “Per me Kluivert è un crack assoluto. È più di una scommessa, è una certezza. Cristante è un giocatore universale, sarei contento se arrivasse. Perotti? Temo il contraccolpo per la mancata convocazione al Mondiale. Disaffezione nei confronti di Florenzi? Credo che il ragazzo sia un po’ cambiato, anche nei rapporti con i compagni e quindi nella percezione dei tifosi, che queste cose le notano”.

Federico Nisii (Teleradiostereo 92.7): “Siamo ancora al 30 maggio e la Roma si sta concretamente muovendo sul mercato. Io mi fido di Monchi. Mi sembra evidente che la Roma voglia effettuare un robusto restyling a centrocampo. In questa squadra è mancata cambio di passo, ritmo e inventiva, ovvero un regista vero. Se a questa Roma aggiungi il talento e la visione di gioco di Coric, metti la capacità di inserimento e la grande sfacciataggine di Cristante, forse metti il piede di Ziyech, è chiaro che vuoi aggiungere qualcosa che mancava. Ovviamente non puoi non pensare di cedere qualcos’altro, ovvero uno tra Strootman e Nainggolan”.

Piero Torri (Teleradiostereo 92.7): “Monchi si sta muovendo in questa direzione: allargare la rosa di Di Francesco, anche a fronte di una cessione che non ci farà piacere. Un nome credo che partirà, ma c’è anche l’esigenza di svecchiare la squadra. Kluivert vuole la Roma e la Roma vuole Kluivert, è così. Cristante? Io non mi fido tanto del suo procuratore, da quello che so preferirebbe portare il giocatore alla Juve. Temo che potrebbe venire fuori la seconda di Kessie. Credo che un accordo ci sia, ma di blindato non c’è niente. Individuare Cristante come un acquisto giusto per la Roma mi sembra veritiero, è l’identikit dell’intermedio che piace a Di Francesco. Io credo che possa arrivare alla Roma, ma da qui a darlo per fatto… La rosa deve essere rinfrescata, e mi pare che la Roma abbia proprio questa idea”.

Andrea Pugliese (Teleradiostereo 92.7): “Marcano è simile a Fazio, anche se di piede inverso. In difesa ci sono due situazioni da tenere sotto controllo. La prima è quella di Manolas: lui vuole restare e secondo me resterà, ma ha anche una clausola da 38 milioni. La seconda è quella di Juan Jesus, avere un quarto centrale che guadagna 2,2 milioni è un lusso. Quella di Cristante è una trattativa molto ben avviata, da quanto so io le due società hanno trovato un’intesa di massima sulla base di 25 milioni di euro più 5 di bonus. Ovviamente la Roma vuole inserire anche una contropartita. Si parla di Defrel, ma ci sono anche altri nomi come Gerson e Tumminello. A Bergamo sono aperti ad ascoltare tutte le offerte, ma a parità di condizioni danno la prelazione alla Roma considerando la questione Kessie. L’Atalanta ci tiene a mantenere buoni rapporti con la Roma. Per me Tumminello è più forte di Cutrone”.

Gianluca Piacentini (Teleradiostereo 92.7): “Tumminello? Chi lo prende fa un affare, è un giocatore molto forte. Con un crociato rotto, ha fatto più gol di Schick”.

Francesco Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Kaderabek è un calciatore classe 1992, nasce attaccante ed è stato spostato terzino. Ha moltissima gamba, corre tantissimo e ha bisogno di tutta la fascia per sé. Fisicamente molto preparato, ha un discreto bagaglio tecnico. Può essere titolare sulla fascia destra in attesa di Karsdorp, è prontissimo. È interessante, però sarebbe meglio da quinto centrocampista, ma comunque per me a 10 milioni di euro è un buonissimo acquisto”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Cristante sarebbe un buon acquisto. Quest’anno la Roma non ha l’esigenza di dover vendere entro giugno, quindi sta stringendo i tempi per acquistare quei 3-4 giocatori fondamentali. Poi sicuramente venderà qualcuno. Penso che El Shaarawy partirà se ci sarà l’opportunità, come è probabile che venderà Strootman. Però stavolta la Roma sta comprando prima. Cristante è uno ritenuto fondamentale nel rinnovamento del centrocampo. Tra la crescita di Pellegrini, che per me deve rimanere, e l’arrivo di Cristante, con la permanenza di Nainggolan, la squadra si rinfresca a centrocampo. Coric andrà atteso un po’. Balotelli alla Roma non avrebbe spazio, credo che abbia bisogno di una squadra che punta tutto su di lui. Il vero obiettivo della Roma è Kluivert, su questo non c’è dubbio”.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Per Cristante meglio la Roma che la Juventus: in giallorosso farebbe quasi certamente il titolare, a Torino no. Per me è un grande acquisto. Balotelli alla Roma? Per lui va bene una squadra come il Parma, una che punta tutto su di lui. La Juve, la Roma, la Lazio e il Napoli hanno già giocatori forti in quel ruolo e allenatori che non giocano con due punte. La Roma farebbe bene a prendere Kluivert, mentre Ziyech sinceramente non lo prenderei. Marcano? Se in 9 stagioni cambia squadra 8 volte non sei certamente un fenomeno”.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Cristante? Ho un’unica perplessità: quando escono dall’Atalanta, i giocatori sembrano meno bravi, guardate Gagliardini e Kessie. L’operazione è buona, ma non so dare il voto”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Cristante alla Roma? Credo che l’accordo debba essere ancora concluso. È vero che i giallorossi sono in pole, ma c’è anche la concorrenza di altri club come la Juve. Va trovata l’intesa con l’Atalanta, non penso possa essere un problema trovarla col calciatore. Da quello che so, a lui la Roma va benissimo. Va trovato l’accordo definitivo con l’Atalanta. Il dubbio che all’Atalanta sia più facile far bene senza poi ripetersi in altre squadre c’è. Quando vai fuori ti confronti con una realtà differente, non so se si è pronti o meno per fare il salto. Cristante ha grandi qualità, ma un conto è giocare nell’Atalanta, uno alla Roma. Una squadra che ha fatto la semifinale di Champions non è che la rinforzi con Kluivert e Coric”.

Angelo Di Livio (Teleradiostereo 92.7): “È già arrivato Coric, oggi Marcano. Poi si sta parlando molto di Kluivert e di Cristante… piano piano si sta delineando la nuova Roma. La Roma ha uno dei migliori portieri in Europa, è una pedina da gestire e sfruttare al meglio. Mi auguro di rivederlo con la maglia giallorossa, ma se così non fosse ricordiamoci che portieri così ne nascono uno ogni tantissimi anni”.

Riccardo “Galopeira” Angelini (Teleradiostereo-92,7): “Dedichiamo un ricordo sobrio ad Agostino Di Bartolomei, un grande uomo e un grande capitano. Se dovessimo ricevere offerte per Nainggolan da 25 milioni lo terrei, sarebbe stato più sensato venderlo prima. Nell’immaginario del tifoso con la cessione di Nainggolan dovrebbero arrivare due giocatori del livello di Cristante”.

Ubaldo Righetti (Teleradiostereo-92,7): “Adesso è il momento di comprare ma arriverà anche il momento delle cessioni. L’Inter si sta muovendo per Nainggolan e Strootman”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Lotito ieri ci ha detto che costruirà lo stadio della Lazio prima di quello della Roma. Se ha detto queste cose vuol dire che ha già individuato l’area, che forse potrebbe essere fuori dal Comune di Roma. E farebbe bene, secondo me, se deciderà così”.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Mattino – 104,5): “La trattativa di Monchi con l’Atalanta per Cristante è avanzata, sarebbe l’acquisto principale per il centrocampo della Roma. La Roma offre a Alisson 4 milioni a stagione perché lo vuole tenere. Ne riparleranno dopo il Mondiale”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Cristante? La Roma ha già speso molto l’anno scorso per Pellegrini. Insieme i due non so se possono giocare. Alisson? Se la Roma fa una squadra da scudetto è giusto che lo tenga, ma se deve puntare a mantenere i livelli di oggi allora è meglio che lo vende”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino-104,5): “Vorrei capire chi partirà. Per il resto per ora arriveranno solo giovani di belle prospettive. Se arriva Cristante uno tra Strootman e Nainggolan andrà via”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino-104,5): “Mi incuriosisce Cristante ma i giovani sono una cosa e i giocatori esperti sono altri”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino-104,5): “Sarebbe bello se venisse consegnata la nuova Roma prima del ritiro. I nomi che girano sono ottimi ma serve qualcosa di più concreto”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 anni fa

    Egregio Dr. Melli, ma come fa a parlare di “concretezza” se i cordoni della borsa della proprietà sono stretti e non permettono l’uscita di importanti somme? La nostra Roma, a queste condizioni, potrà solo comprare giovani e promettenti calciatori che potranno essere venduti, allorquando abbiano avuto notorietà sui mercati europei. Questa è la Roma che il Sr. Monchi dovrà preparare: la nostra fortuna è che ci siano lui ed il nostro grande allenatore
    Di Francesco. Ambedue sono una garanzia: teniamoceli stretti! La nostra sfida è quella di valorizzare Shick, ci riusciranno a rientrare nei 42 milioni di euro spesi? Ne dubito: un conto è giocare a Genova, altro a Roma! Piazze diverse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy