‘RADIO PENSIERI’, BUCCHIONI: “Lo dico brutalmente, la Roma vale più dell’Inter come organico”

‘RADIO PENSIERI’, BUCCHIONI: “Lo dico brutalmente, la Roma vale più dell’Inter come organico”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Enzo Bucchioni (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Lo dico brutalmente. L’organico della Roma è più forte di quello dell’Inter. Vi dirò di più: la Roma vale addirittura di più a livello economico se consideriamo il valore dei giocatori. Il centrocampo della Roma è straordinario, formato da giocatori di grandissima qualità“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma di agosto era piena di incognite: pensiamo a Kluivert, Mancini, Veretout o Diawara. Allora abbiamo detto che difficilmente si poteva far bene. Fonseca ha questo grande merito, di aver rivalutato molti giocatori. In pochi avrebbero pensato a questo Veretout o questo Diawara. Non solo però è merito dell’allenatore, ma anche della società, all’interno della quale sono cambiate molte cose. Ieri è stata la vittoria più bella nella partita più difficile“.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Questa Roma in alcuni reparti ha un valore più alto di quello dell’Inter. Penso al centrocampo ad esempio, con addirittura Cristante che ancora è assente. Anche in difesa Smalling e Mancini assicurano ottime prestazioni“.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma ha giocato bene, ma non dobbiamo cadere nelle solite esagerazioni”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma, come la Lazio, può attaccare anche le squadre davanti. Inoltre c’è Roma-Juventus all’orizzonte. Alla Roma basterebbe recuperare tutti i giocatori che ha per far sognare i propri tifosi“.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Per una volta la Roma ha sfruttato le condizioni critiche dell’avversaria. Fonseca è molto più adatto a questa Roma di quanto sarebbe stato Conte. Il tecnico portoghese ha ambizione, voglia. È alla sua prima grande esperienza, dopo una realtà europea inferiore. Alla Roma non manca nulla per il terzo posto. I tifosi stanno iniziando a capire sempre di più come funziona una società nel 2019. Chi se ne frega di come si chiama il presidente se la Roma poi vince”.

Stefano Petrucci (Teleradiostereo – 92,7): “Giocate straordinarie di Dzeko che con un arbitro normale non so quante ammonizioni avrebbero fatto accumulare ai difensori della Fiorentina. Caceres non avrebbe finito la partita con un arbitro normale. L’ammonizione a Diawara è da ritiro del fischietto a vita, così si indirizzano le partite e così si innervosisce una squadra. La sua ammonizione è uno scandalo. Il grande lavoro di Fonseca è stato rimettere in testa ai giocatori la convinzione, nonostante la Roma non abbia ancora vinto nulla e il tecnico fa bene a ribadirlo. Florenzi non mi è dispiaciuto, qualche errore ma c’ha sempre provato. Non l’ho visto particolarmente in difficoltà. Chi non ha capito il reale valore di Mancini può andare a cena con Fonseca e chiedere a lui”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Bella Roma, bel risultato, bei contenuti. Forse la migliore in stagione. La squadra ha trovato gli automatismi voluti da Fonseca. Pellegrini e Zaniolo sono già campioni. Devono solo crescere nell’incisione in più partite”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “La più bella Roma. Ieri i giallorossi per la prima volta in assoluto sono stati continui. Pellegrini e Zaniolo sono il futuro di questa squadra. Sono fondamentali. Ieri ha funzionato tutto, anche Pau Lopez si è distinto e ha fatto due belle parate a punteggio fermo sullo 0-0. Florenzi ha convinto, vorrei capire cosa sia successo con Fonseca”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “C’è stata troppa differenza ieri sera tra le due squadre, merito della Roma che ha giocato con qualità e determinazione. Il discorso Champions è ormai chiuso a favore delle romane. Bravo Fonseca, è partito male ma adesso ha portato la Roma a ottimi livelli, con giocatori che anche grazie a lui sono esplosi. Ieri la Roma non ha concesso nulla. A volte in questa stagione era successo. Ho visto una squadra concentrata che ha fatto il suo compito. Kluivert deve giocare in questa Roma, Perotti non mi avrebbe convinto se ieri sera al posto della Fiorentina ci fosse stata la Spal”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Pellegrini e Zaniolo? La storia ci dice che negli ultimi anni Pallotta si è sempre venduto i migliori. Staremo a vedere. Ho visto Fonseca davvero contento per come ha giocato la squadra. E’ vero che la Fiorentina ha giocato male ma è la stessa squadra che una settimana fa ha pareggiato con l’Inter, e quindi c’è il merito dei giallorossi. Mancini e Smalling sono state le note positive sulle quali la Roma è cresciuta. Una squadra pragmatica grazie al fatto che Fonseca ha capito bene come si gioca in Italia”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma a tratti sembra una grande squadra. Ha dei giocatori, come Pellegrini e Zaniolo, che in pochi hanno. Pellegrini ha acquisito spessore, intelligenza, un centrocampista europeo. Roma e la Roma devono godersi questi due giovanotti che possono stare al top per altri dieci anni. Roma-Juve sarà una partita decisiva per capire quali possono essere le prospettive dei giallorossi”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy