Vendita del Club: guida Friedkin. Nuovo D.s.: c’è l’idea Burdisso

Vendita del Club: guida Friedkin. Nuovo D.s.: c’è l’idea Burdisso

Le altre cordate offrono di più, ma con garanzie da rivedere: il texano può chiudere. Dirigenza: l’argentino sotto esame

di Redazione, @forzaroma

Le scadenze sono tecniche, ma diventano inevitabilmente anche psicologiche, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. Il 12 agosto la Roma dovrà presentare alla Covisoc le fidejussioni per l’iscrizione al campionato. Entro fine mese poi, alla luce della documentazione presentata, la Consob dovrà dare il via libera per la parte finale dell’aumento di capitale, per cui ci sarà tempo fino a fine dicembre.

Nel frattempo, però, i giochi societari potrebbero essere fatti perché il tempo stringe. Visto che la società – a tutti i livelli – assicura di non voler vendere i gioielli, serve denaro fresco per le casse e i circa 40 milioni che James Pallotta deve versare potrebbero non bastare. Così torna in primo piano il cambio di proprietà. Il presidente ha sul piatto l’offerta di Dan Friedkin di 490 milioni pagabili subito. Pallotta ne vorrebbe 600, ma se il magnate franco-texano si convincesse a inserire gli 80 milioni delle spese per il nuovo stadio nel pacchetto (per l’impianto a settembre dovrebbe arrivare il via libera), la forbice si restringerebbe, altrimenti è possibile pure che, per venire incontro al presidente, l’investimento di 85 milioni che il nuovo proprietario sarebbe pronto a fare, potrebbe essere smussato.

In realtà, uomini d’affari interessati alla Roma ce ne sono. ma sia il consorzio sudamericano (con testa in Ecuador e portafoglio in Uruguay), sia il fondo (non sovrano) mediorientale che ha sondato Pallotta, offrono sì una cifra più alta rispetto a quella di Friedkin, ma con modalità di pagamento che al momento non convincono il presidente per tempistica e garanzie.

Intanto il club pensa anche agli assetti interni. Morgan De Sanctis, se l’Ascoli resterà in Serie B, accetterà la proposta di diventare il nuovo dirigente generale del club marchigiano. In ogni caso, non lascerà la Roma prima di fine agosto per aiutare l’a.d. Fienga sul mercato. Lo stesso Fienga, poi, pensa anche al ruolo di direttore sportivo, tuttora vacante. Non è un mistero che il sogno sarebbe avere Paratici, ma potrebbe avvenire solo se questi divorziasse dalla Juve. Fra i profili presi in considerazione c’è quello di Nicolas Burdisso – ex di Inter, Roma e non solo – che da d.s. del Boca ha vinto il titolo. E con De Rossi in campo. Un segnale di futuro?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy