Una crisi capitale, derby salvatutto

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) Ventisette mesi e 87 turni di campionato dopo, la Roma ? tornata a mettere la freccia in classifica sulla Lazio. L’ultima volta successe il 23 gennaio 2011, domenica i giallorossi sono tornati ad assaporare la gioia di sentirsi davanti ai cugini. Eppure, nonostante ci?, c’? poco da essere contenti, considerando la prova scialba e incolore effettuata con il Pescara, uno ?schiaffo? ? questo s? ? in faccia ai 43.000 dell’Olimpico, umiliati nel cuore da una squadra che per l’ennesima volta ha dimostrato di non avere gli attributi tra le sue qualit? migliori. Ora, da qui a fine maggio ci sar? da interrogarsi e chiedersi come andare avanti per arrivare al meglio alla finale di Coppa Italia, proprio contro la Lazio.

 

 

 
IL CALENDARIO?La prima occasione la Roma l’ha gi? gettata via domenica, proprio con il Pescara. Ora domenica arriva il Siena in casa e bisogner? non commettere lo stesso errore, con l’aggravante che i toscani hanno quella fame che il Pescara non aveva neanche dentro gli spogliatoi. Poi ci saranno le trasferta di Firenze e di Milano (con il Milan) che potevano anche fare la differenza, intramezzate dalla gara interna con il Chievo e prima di chiudere in casa con il Napoli. Insomma, un calendario non facile, ma che con due punti in pi? (quelli sperperati con il Pescara) poteva ancora far sognare.

 

 
SU CHI PUNTARE? Nella Roma ci sono giocatori che sembrano aver staccato completamente con la testa. Tra questi Osvaldo, De Rossi, Balzaretti e Castan. Dopo il raggiungimento della finale di Coppa, poi, c’? stato l’effetto-rilassamento: ?Abbiamo raggiunto l’obiettivo, quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto?. Da qui alla fine dell’anno, per?, bisogna ancora fare molto, compresa la possibilit? di centrare la qualificazione all’Europa League prima della finale. Per riuscirci la Roma deve puntare forte sulla voglia e la fantasia di Totti, i colpi di Lamela (sperando che trovi continuit?), la genialit? di Pjanic e la cattiveria di Marquinhos, anche se gli ultimi due devono risolvere (e presto) i rispettivi problemi fisici.

 

 
LA CONDIZIONE? La differenza, da qui alla fine, la far? la condizione, mentale e fisica. Alla Roma serve qualcuno che sappia dare una scossa alla squadra, sappia trattare i giocatori (che avendo tutto, hanno tutti i vizi di chi non deve faticare per sorridere) come vanno trattati, riuscendo a dargli alte motivazioni e fame agonistica. ? un problema di ambiente, di societ?, di uomini. E non ? un caso che degli ultimi tre allenatori uno se ne sia andato quasi con un quasi esaurimento nervoso (Luis Enrique), l’altro ha detto pubblicamente che a Trigoria non esistono regole (Zeman) e l’ultimo (Andreazzoli) ha puntato il dito sugli atteggiamenti. Allora, a conti fatti, da qui alla fine la condizione mentale sar? anche pi? importante di quella fisica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy