Roma, orgoglio Mkhitaryan: ritrova la Coppa negata

Roma, orgoglio Mkhitaryan: ritrova la Coppa negata

L’armeno torna titolare in Europa League dopo aver saltato la finale dell’anno scorso per motivi politici

di Redazione, @forzaroma

Henrikh Mkhitaryan poco più di sei mesi fa, ha dovuto rinunciare a disputare la finale di Europa League tra il suo Arsenal e il Chelsea. Motivo? Tristemente semplice. Si giocava a Baku, in Azerbaigian, nazione che dal 1991 vive forti tensioni proprio con l’Armenia per via della regione del Nagorno-Karabakh, che pur appartenendo al territorio azero, si è dichiarato indipendente, scrive Massimo Cecchini su “La Gazzetta dello Sport”.

Domanda: che cosa sarebbe successo se Mkhitaryan avesse giocato? Non lo sapremo mai. Ciò che sappiamo, però, è che Henrikh ha voglia di ritrovare il tempo perduto. A cominciare da stasera, quando guiderà la squadra contro il Wolfsberg verso una agevole qualificazione ai sedicesimi di coppa.

Non una buona notizia per gli austriaci, che ormai – dopo un ottimo avvio – sono tornati nel loro ruolo di cenerentola del girone, con il tecnico Struber già emigrato al Barnsley (Serie B) inglese e con in panchina il vice Sahli, che allena con deroga e ha un bilancio di 3 sconfitte in 4 match.

Alla Roma tutti sanno che, mentre sta faticosamente continuando la trattativa per acquisire la società, Dan Friedkin e suo figlio Ryan – che nei piani dovrebbe occuparsi del club – adesso seguono i risultati e il gioco messo in mostra dai giallorossi. Sarà per anche questo, in fondo, che stasera tutti vorrebbero fare bella figura. Mkhitaryan in testa, ovvio. Perché il riscatto dall’Arsenal è ancora tutto da conquistare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy