Quando Luis Enrique voleva trasformare Trigoria in una piccola Amsterdam

Il tecnico spagnolo voleva creare un modello Roma prendendo ispirazione da quello dell’Ajax

di Redazione, @forzaroma

C’è stato un momento in cui la Roma ha guardato forte in casa Ajax. E non solo per vedere se c’era la possibilità di portare a casa i suoi talenti, ma anche per prendere spunto da un modello che da sempre risulta essere vincente. Era la prima Roma americana, quella di DiBenedetto e Luis Enrique, con il triumvirato di dirigenti formato da Baldini, Fenucci e Sabatini, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. L’idea era quella, appunto, di fare una filiera, facendo giocare tutte le squadre alla stessa maniera: 4-3-3, il modulo voluto dallo stesso Luis Enrique.

“E allora la speranza è che tra qualche anno si inizi a parlare di modello-Roma e non più solo di modello-Ajax”, disse Luis Enrique, che di quel progetto era un po’ il promotore. Lucho però durò solo una stagione e quell’idea di fare della Roma un alter ego dell’Ajax tramontò. Ma di giovani talenti la Roma ne ha sfornati sempre tanti lo stesso, grazie soprattutto alla competenza di Bruno Conti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy