Pallotta «apre» l’Olimpico e vede Parnasi

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport) La cosa a cui teneva di più James Pallotta l’ha fatta intorno alle 19: ha accolto la squadra allo stadio Olimpico, da presidente, per incitare e salutare i giocatori che, per scelta sua, aveva preferito non disturbare in ritiro.Poi Pallotta, dopo una mattinata trascorsa tra shopping e alcune riunioni private, ha salutato i suoi ospiti, tra cui Luca Parnasi, il costruttore che lo sta affiancando nel progetto stadio. Grande tifoso della Roma, Parnasi segue quasi sempre la squadra, ma quando Pallotta è nella Capitale la passione diventa per lui anche un affare. I due si sono salutati, poi ognuno si è seduto al proprio posto per la partita. Giovedì, invece, Pallotta aveva passato la serata a cena con Garcia e Sabatini (lontani da Trigoria e da occhi indiscreti): il presidente si è complimentato con l’allenatore per l’ottima gestione globale – non solo, quindi, per l’aspetto tecnico – e ha espresso parere favorevole sulla breve tournée che la Roma effettuerà in Indonesia a novembre, durante la prossima sosta.

 

 

SCARAMANZIA  Seguendo le stesse abitudini di ogni sua visita, Pallotta è arrivato allo stadio oltre due ore prima del fischio d’inizio. Ha salutato i dirigenti, ha visitato tutte le aree dell’Olimpico, ha stretto la mano ai dipendenti che incontrava lungo la strada. Poi, quando è iniziata la partita si è accomodato al solito posto. Con le stesse persone intorno, proprio come il giorno del derby. L’unica cosa differente dal solito Pallotta l’ha fatta dopo la partita: niente partenza immediata, ma un fine settimana a Roma con alcuni amici. Il ritorno negli Stati Uniti, salvo cambiamenti improvvisi, è previsto per martedì e non è escluso che lunedì, dopo i giri da turista, possano esserci in programma incontri di lavoro.
zuc

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy